Il discorso del giovane militante Pd, Nicholas Ferrante? Non fa bene al Pd essere dipinto in questa maniera. Non è vero che c’è del marcio ovunque”. E’ il commento pronunciato ai microfoni di Ho scelto Cusano (Radio Cusano Campus) dalla neo-deputata del Pd, Patrizia Prestipino. “Dalla sua parte” – continua – “ha la giovane età, che è molto rivoluzionaria, e si pensa di cambiare il mondo. Ma io, Zingaretti, tante personalità politiche del Pd siamo sono tranne che marce. Generalizzare non fa bene. Usare i termini che hanno utilizzato l’altro giorno Orlando e Cuperlo, cioè nepotismo e clientelismo, fa male al Pd e non è diverso da quello che hanno fatto quei grillini che per anni ci hanno insultato chiamandoci piddioti Pd-mafiosi, Pd-ladri”. E ribadisce: “Io sono una di quelle che si offese in maniera ferma sul rapporto Barca, che praticamente riduceva il Pd a un clan di mafiosi. C’è tanta gente brava, appassionata e onesta, che sta aumentando in queste ore da quando il Pd ha preso questa sonora sconfitta. E vuole aiutare la sinistra e il Pd a risorgere. Se c’è del marcio va sicuramente estratto e buttato via però io non butterei il bambino con l’acqua calda” – aggiunge – “Tante persone come me, che hanno fatto bene gli amministratori per il bene della comunità, hanno avuto poi successo. Da questo bisogna ricostruire, non dalle facili accuse”. Prestipino rifiuta nettamente qualsiasi accordo governativo col M5S: “Siamo stati insultati, anche io personalmente non solo dai militanti, ma anche dai rappresentanti politici del M5S. Senza arrivare a parlare di Aventino, io direi che gli italiani hanno premiato due movimenti anti-sistema come M5S e Lega. Non hanno i numeri, ma spetta a loro trovare le alleanze e la maggioranza. Noi siamo stati messi all’opposizione, quindi staremo lì con le braccia incrociate a guardare cosa fanno e a vedere di che cosa saranno capaci”. E aggiunge: “Se noi andassimo a fare da stampella al M5S, loro finirebbero per cannibalizzare il Pd, cosa che noi per la nostra storia, per i nostri valori, per le nostre persone di valore non possiamo certo permettere. Il M5S non è sinistra, è un calderone dove sono finiti delusi della sinistra, delusi della destra, qualunquisti, antisistemici. La sinistra e il centrosinistra siamo noi”. E attacca Liberi e Uguali: “La sinistra estrema si è visto che fine ha fatto, perché quelli di LeU sono stati ampiamente puniti se non altro per questa brutta brutta figura di oppositori del Pd ancora prima che della destra di Salvini. Hanno permesso di far eleggere candidati di centrodestra, togliendo voti al Pd. Quella roba è nata esclusivamente per andare contro il Pd e Renzi. Ed ecco che i cittadini li hanno puniti”