Il Reddito di dignità della regione Puglia e la Misura attiva di sostegno al reddito del Friuli Venezia Giulia, entrambe presiedute da due governatori dem. Il test di reddito di cittadinanza attivato dal sindaco pentastellato di Livorno Filippo Nogarin, limitato però a un centinaio di beneficiari. Il sostegno ai neo genitori della regione Lombardia, parte del programma Reddito di autonomia. E, ultima in ordine di tempo, la delibera del Comune di Marino che introduce un contributo a favore dei disoccupati over 43. Mentre sale l’attenzione per la misura simbolo del programma M5s e Bankitalia rileva che il 23% degli italiani è a rischio povertà, a livello locale diverse amministrazioni vanno avanti da sole con interventi a favore dei cittadini indigenti. Interventi che però si intrecciano – non senza confusione e ritardi nelle erogazioni – con il nuovo Reddito di inclusione (Rei), la misura messa in cantiere dal governo Renzi e partita nel gennaio di quest’anno con uno stanziamento iniziale di 1,7 miliardi. Sufficiente solo per un terzo delle famiglie povere. In tutti i casi le cifre in ballo sono inferiori ai 780 euro massimi del reddito di cittadinanza descritto nel ddl depositato nel 2013 al Senato dai pentastellati: il più generoso è il Red pugliese, che può arrivare a 600 euro per i nuclei con almeno cinque componenti.

Il Red pugliese: “15mila beneficiari”. Ma metà prendono il sussidio statale – Il Reddito di dignità porta la firma del presidente pugliese Michele Emiliano, ex sfidante di Renzi alle primarie Pd del 2017, ora sostenitore di un accordo “su punti specifici” per consentire al M5s di formare un governo. “È un modo di essere di sinistra in modo moderno, considerando la difficoltà delle famiglie senza mantenere in piedi situazioni di privilegio”, ha spiegato il magistrato nel novembre 2015, dopo la firma della delibera. Per riceverlo occorre essere residenti in Puglia da almeno 12 mesi e avere un Isee non superiore ai 3mila euro l’anno fino a fine 2017, soglia salita a 6mila euro dal 2018. Per evitare l’effetto disincentivo a trovare un lavoro, viene versato per non più di 12 mesi. In più il beneficiario firma un “patto di inclusione sociale attiva” che prevede un tirocinio in azienda o presso enti non profit e percorsi formativi di aggiornamento professionale.

La cifra massima che si può ricevere è di 600 euro al mese per le famiglie con almeno cinque componenti ma la media, spiegano dalla Regione, è di “450 euro circa”. Per essere ammessi al beneficio fino all’anno scorso serviva un punteggio di almeno 45 punti su 100 nella graduatoria regionale. Le regole sono state modificate in vista dell’entrata in vigore del Reddito di inclusione (Rei) al posto del  Sostegno di inclusione attiva (Sia). La soglia è stata abbassata a 25 punti e il contributo massimo è sceso a 400 euro, con l’eccezione delle famiglie molto numerose.

Secondo la Regione, che ha stanziato per la misura 35 milioni l’anno, i nuclei beneficiari sono stati lo scorso anno 15mila. Ma circa metà di questi ha ricevuto solo il Sia o il Sia in parte integrato dal Red. Lo stesso accadrà quest’anno con il Rei. Da gennaio in regione si può presentare una domanda unica per Red e Rei, che vengono erogati sulla stessa carta acquisti. Per chi ha figli minori è più semplice ottenere il contributo statale, che arriva fino a 490 euro al mese per i nuclei con 5 o più componenti e spetta prioritariamente alle famiglie con un componente minorenne, disabile o in gravidanza e a quelle con un over 55 disoccupato.

Il Mia del Friuli Venezia Giulia: da 70 a 550 euro al mese – In Friuli Venezia Giulia, la regione governata dall’ex membro della segreteria nazionale Pd Debora Serracchiani, dal 2016 sono circa 14mila all’anno le famiglie beneficiarie della Misura di inclusione attiva e di sostegno al reddito (Mia), intervento sperimentale che ricalca i contenuti di un disegno di legge regionale depositato nell’aprile 2014 dal M5S Fvg. Lo stanziamento previsto è stato di 47,9 milioni per il 2016, 32,2 per il 2017 e 30 per il 2018. Per riceverlo la famiglia deve avere almeno un componente residente in regione da oltre 24 mesi e un Isee sotto i 6mila euro, oltre a non possedere auto di grossa cilindrata o navi e non ricevere altri ammortizzatori sociali. Anche in questo caso c’è un “patto di inclusione” da firmare con i servizi sociali, a cui partecipano anche i Centri regionali per l’impiego. Gli importi del beneficio variano a seconda dello scaglione di reddito Isee: si va dai 70 euro al mese per un nucleo senza figli con Isee tra i 5mila e i 6mila euro ai 550 euro mensili per le famiglie con due o più bambini e un Isee bassissimo, sotto i 1000 euro.

Le norme sono cambiate, come in Puglia, dopo la nascita del Rei: ora ad erogare il contributo è l’Inps e, per i nuclei che ricevono il sussidio statale, il Mia diventa una integrazione che parte dai 185 euro in assenza di minori (in quel caso il Rei massimo è di ​294,5 euro al mese), sale a 235 euro se in famiglia c’è un minorenne e arriva a 285 se ce ne sono due (in questi casi il Rei può arrivare rispettivamente a 382,5 e 461,25 euro). Anche la durata massima del sostegno è stata armonizzata con quella del Rei: 18 mesi a cui se ne possono aggiungere altri 12 di Mia se il nucleo perde i requisiti per il Rei.

Il Reddito di autonomia lombardo: solo per neo genitori, anziani e disabili – In Lombardia esiste dal 2016 il “reddito di autonomia”, che comprende un bonus per le “famiglie vulnerabili” che sono in attesa di un figlio o lo adottano. Si tratta di un contributo di 1.800 euro complessivi per ogni bambino. La condizione di vulnerabilità deve essere attestata dal Comune, dal consultorio o da un Centro di aiuto alla vita. Occorre comunque che i genitori siano entrambi residenti in Lombardia da almeno 5 anni e abbiano un Isee non superiore a 20mila euro. Altre misure ad hoc – voucher spendibili per l’autonomia personale e il “mantenimento del livello culturale e sociale” – sono previste per anziani e disabili. Per i disoccupati c’è invece un programma di sostegno al reinserimento lavorativo, la Dote unica lavoro, che prevede la partecipazione gratuita a percorsi di formazione e riqualificazione professionale.

Livorno: 300 beneficiari, da 80 a 220 euro mensili – A Livorno il reddito di cittadinanza locale è stato messo in pista nel 2016 e poi confermato con stanziamenti di 300mila euro per il primo anno, 400mila per il 2017 e 282mila per il 2018. I beneficiari sono circa 300 e ricevono ora da 80 euro al mese (i single) a 220 euro (famiglie con almeno un figlio) mensili per un massimo di 9 mesi. Nella prima fase la giunta Nogarin aveva deciso di versare a tutti una somma fissa di 500 euro al mese per 6 mesi ma le domande accettate si erano fermate a 100, scatenando le polemiche delle opposizioni.

A Marino appena approvato regolamento sul reddito locale – L’ultima amministrazione locale a muoversi in scia al crescente interesse per il reddito di cittadinanza è stato il Comune di Marino, guidato da due anni dal pentastellato Carlo Colizza. Il 28 febbraio il consiglio comunale ha approvato il regolamento di una forma di supporto riservata a persone tra i 43 e i 58 anni residenti da almeno cinque anni nel Comune e senza lavoro da almeno uno, nonché reduci da almeno 36 mesi continuativi di disoccupazione. La misura del contributo, stando alla relazione dell’assessore ai servizi sociali Barbara Cerro e al regolamento pubblicato sul sito, sarà tra i 400 e i 600 euro a seconda dei componenti del nucleo famigliare, “per la durata di 6 mesi rinnovabile al massimo per altri 6 mesi”. Il budget stanziato è di 300mila euro per il 2018, che dovrebbero bastare per un centinaio di famiglie. Il beneficiario deve essere disponibile a partecipare a progetti formativi e ad attività “utili per la collettività” gestite dal Comune. Ancora da firmare, però, il protocollo d’intesa con i centri per l’impiego che dovranno prendere in carico i beneficiari e aiutarli a cercare lavoro. Il requisito Isee è meno severo di quello previsto per avere il Rei: saranno presi in considerazione i nuclei con Indicatore di situazione economica equivalente fino a 9mila euro. Perché riservarlo solo alla fascia 43-58 anni? “Puntiamo ad aiutare innanzitutto chi rischia di restare scoperto dal Rei, che andrà in prima battuta alle famiglie con figli piccoli e agli over 55”, spiega il sindaco a ilfattoquotidiano.it.