Scoperta dai carabinieri una discarica abusiva in un’area archeologica a Roma. Ad eseguire il decreto di sequestro preventivo dell’intera area, emesso dal gip di Roma su richiesta della procura, i carabinieri della Compagnia Casilina, della Stazione Appia e del Nucleo Investigativo del Gruppo Tutela forestale di Roma. Il provvedimento riguarda un terreno di circa tremila metri quadrati in via Lucrezia Romana zona Osteria del Curato, dove nei giorni scorsi i carabinieri hanno sorpreso un bosniaco mentre sversava illecitamente rifiuti speciali trasportati su un autocarro. Le successive verifiche hanno accertato che l’area, di proprietà comunale, era stata adibita a discarica e che erano presenti altri cumuli di rifiuti speciali, anche pericolosi. Due i denunciati, tra i quali un appartenente alla famiglia Casamonica per invasione di terreni ed edifici. Per gli inquirenti avrebbe consentito ai due romeni di alloggiare, dietro corrispettivo in denaro, in una roulotte in disuso nel terreno sequestrato, fornendo energia elettrica da un contatore manomesso, installato in una vicina proprietà riconducibile alla famiglia Casamonica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Addio a Ivano Beggio. Beautiful loser ma grande creatore di sogni su due ruote

next
Articolo Successivo

Migranti, eritreo 22enne muore di fame dopo lo sbarco. Il sindaco di Pozzallo: “Scene come quelle degli ebrei nei lager”

next