Massimiliano Smeriglio, vice presidente uscente della Regione Lazio e già vicino a Giuliano Pisapia, apre alla possibilità di esportare il modello Lazio al “campo progressista” nazionale. Con Nicola Zingaretti come leader.

“Se le cose dovessero andare come sembra, ovvero con una vittoria con un margine non altissimo, in questa situazione di straripamento di M5S e destre estreme, nel Lazio abbiamo fatto un miracolo”.

La verità, dice il vice di Zingaretti, “è che può esistere un altro modo di costruire il campo progressista e di agire la leadership”. E il governatore del Lazio è già una figura di rilievo nazionale. E questa squadra può essere una buona pratica per ricostruire un nuovo centrosinistra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Sala: “Collaboreremo con Fontana, ma la Lega non sia arrogante”

next
Articolo Successivo

Regionali Lazio, Zingaretti mitiga il ko del Pd: l’anti-rottamatore che coniuga centri sociali e Sant’Egidio ora sogna il Nazareno

next