Gori ha fatto tutto quello che poteva fare. Sono convinto e spero che non molli perché si è rivelato politicamente molto capace e amato. L’election day è stato il principale problema perché si è votato sui simboli. Renzi? Le dimissioni erano attese per come si erano messe le cose, sulle modalità riflettiamo con calma perché alcuni passaggi del suo discorso non sono chiari nemmeno a me. La mia sintesi su Milano è che il voto sia andato bene. Rimane però il fatto che il lavoro che dobbiamo fare è ancora tanto, in particolare sulle periferie. Fontana? A livello istituzionale collaboreremo, ma consiglio alla Lega di non essere arroganti, perché sentire dire al segretario regionale che Gori è stato un pessimo candidato non mi piace. Eviterei questi toni se vogliamo collaborare, non è che Milano ora cambia il suo atteggiamento, chiediamo il massimo rispetto perché ce lo meritiamo”. Queste le parole di Giuseppe Sala intervenuto a margine della conferenza stampa di Giorgio Gori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, Fontana (Lega): “Non farò nulla per la razza bianca”. E ribadisce la richiesta di scuse

next
Articolo Successivo

Pd, il modello Lazio per la ripartenza del centrosinistra: “Con Nicola Zingaretti come leader”

next