Gori ha fatto tutto quello che poteva fare. Sono convinto e spero che non molli perché si è rivelato politicamente molto capace e amato. L’election day è stato il principale problema perché si è votato sui simboli. Renzi? Le dimissioni erano attese per come si erano messe le cose, sulle modalità riflettiamo con calma perché alcuni passaggi del suo discorso non sono chiari nemmeno a me. La mia sintesi su Milano è che il voto sia andato bene. Rimane però il fatto che il lavoro che dobbiamo fare è ancora tanto, in particolare sulle periferie. Fontana? A livello istituzionale collaboreremo, ma consiglio alla Lega di non essere arroganti, perché sentire dire al segretario regionale che Gori è stato un pessimo candidato non mi piace. Eviterei questi toni se vogliamo collaborare, non è che Milano ora cambia il suo atteggiamento, chiediamo il massimo rispetto perché ce lo meritiamo”. Queste le parole di Giuseppe Sala intervenuto a margine della conferenza stampa di Giorgio Gori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lombardia, Fontana (Lega): “Non farò nulla per la razza bianca”. E ribadisce la richiesta di scuse

prev
Articolo Successivo

Pd, il modello Lazio per la ripartenza del centrosinistra: “Con Nicola Zingaretti come leader”

next