Al Teatro Eliseo di Roma, durante l’appuntamento elettorale in sostegno della candidatura di Paolo Gentiloni, con Veltroni, sono saliti sul palco anche Marianna Madia e Luigi Zanda, entrambi candidati per il prossimo Parlamento. “La migliore delle ipotesi qualora il M5s andasse al governo sarebbe una situazione come quella che viviamo a Roma, cioè l’immobilismo – afferma la Ministra della Pubblica Amministrazione, che aggiunge – la peggiore sarebbe rimettere in discussione dei principi fondanti della nostra comunità: l’Europa e la tutela della salute. Io da madre ho paura”. Luigi Zanda sceglie di non affondare colpi contro i pentastellati e si concentra sugli obiettivi raggiunti e da rivendicare: “Con i nostri tre governi di questa legislatura, Letta, Renzi e Gentiloni il Pd ha domato la crisi più grave degli ultimi cento anni”. Anche Veltroni critica i 5 Stelle: “Siamo al colmo di candidati e mi riferisco agli espulsi, gli ammoniti, i diffidati del 5 Stelle, per cui gli elettori del Movimento 5 Stelle si troveranno a votare persone che poi andranno a destra”. Chiude la kermesse il presidente del Consiglio e candidato Pd Paolo Gentiloni: “Anche gli italiani che hanno idee diverse dalla nostra sanno che di questa coalizione di governo a guida Pd possono fidarsi, ma a loro dico: vogliono affidare la loro sicurezza a Minniti o a Salvini? Vogliono affidare la loro economia a Padoan o a Di Battista?  Io non ho dubbi. Io penso che se lavoriamo bene, i nostri concittadini faranno le scelte giuste” conclude

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Veltroni: “Senza maggioranza chiara si torna alle urne. Berlusconi? Resta il nostro avversario”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Governo con Pd e Grasso? Smentisco. Ma sì a un contratto sui temi. All’Ambiente? Generale in Terra Fuochi”

next