E’ stato presentato a Roma il Rapporto 2017-2018 sulla situazione dei diritti umani del mondo di Amnesty International. Il presidente della sezione italiana dell’organizzazione, Antonio Marchesi, ha fatto il punto con i cronisti: “Il rapporto di quest’anno descrive un anno nero per i diritti umani. Tra le tendenze dominanti c’è l’odio, dal discorso fino ai crimini. Il 2017 è stato inaugurato dal Muslim ban di Trump, una vera e propria legge discriminatoria. Un altro tema dominante è quello della violazione delle libertà civili classiche: da citare c’è la Turchia, diventata un grande carcere per giornalisti, e l’Egitto dove i difensori dei diritti umani sono spesso arrestati arbitrariamente. Infine c’è il tema dei crimini di guerra e contro l’umanità: sembra che la comunità internazionale abbia rinunciato a punirli e prevenirli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Rufini (Amnesty): “C’è volontà di creare odio contro migranti. Da politica ci si aspetterebbe responsabilità”

next
Articolo Successivo

Riforma delle carceri, l’appello al Consiglio dei ministri: non sprecate l’occasione di un atto di civiltà

next