In attesa della notte degli Oscar a Londra sono stati consegnati i Bafta. Il film di Luca Guadagnino Chiamami col tuo nome si è aggiudicato il premio per il miglior adattamento firmato da James Ivory. Un buon viatico per la serata in programma il 4 marzo a Los Angeles, nella quale il film si presenta con quattro candidature: miglior film, miglior attore a Timothée Chalamet, miglior sceneggiatura non originale a James Ivory e miglior canzone a Sufjan Stevens per la sua Mistery of Love. La pellicola, tratta dal romanzo di di Andre Aciman e capitolo finale della trilogia del desiderio del regista, ha giàò vinto numerosi premi.

A fare la parte del leone nella cerimonia alla Royal Albert Hall di Londra Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Il film scritto e diretto da Martin McDonagh, con protagonisti Frances McDormand e Woody Harrelson, si è portato a casa ben cinque premi: miglior film, miglior film inglese e miglior sceneggiatura originale. McDormand si è imposta come miglior attrice protagonista, mentre Sam Rockwell è stato scelto come miglior attore non protagonista. Miglior attore protagonista Gary Oldman per il ruolo di Winston Churchill, che ha fruttato a L’ora più buia anche il miglior make up. A Guillermo Del Toro è andato, invece, il premio per la miglior regia per La forma dell’acqua, che, forte di 12 candidature, si è imposto anche per la miglior colonna sonora al compositore Alexandre Desplat e per la miglior scenografia originale. A Coco, il cartoon Pixar ambientato in un immaginifico aldilà messicano, il premio per il miglior film d’animazione.

Gli Oscar britannici verranno ricordati anche per la scelta delle attrici di presentarsi con abiti neri e spillette sul red carpet in segno di solidarietà per il movimento di Hollywood Time’s Up contro le molestie sessuali. In abito verde scuro si è presentata, invece, Kate Middleton, accompagnata dal principe William. Una scelta che fa discutere sui social network, che sarebbe dovuta all’impossibilità di assumere posizioni politiche in cerimonie pubbliche da parte dei membri della Casa Reale. Proprio ieri l’attrice e attivista britannica Emma Watson ha donato un milione di sterline per aiutare le vittime degli abusi sessuali. Si tratta di una delle donazioni più importanti per il nuovo UK Justice and Equality Fund e arriva insieme a una lettera aperta firmata da 200 star del Regno Unito e dell’Irlanda per porre fine alle molestie contro le donne sul posto di lavoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Berlino 2018, applausi per “Figlia mia” con Alba Rohrwacher e Valeria Golino: unico film italiano in corsa per l’Orso d’oro

next
Articolo Successivo

Il Filo Nascosto, un film così poteva realizzarlo solo Paul Thomas Anderson

next