La deputata Giulia Sarti ha denunciato l’ex fidanzato e collaboratore Bogdan Andrea Tibusche con l’accusa di aver truccato la contabilità dei suoi rimborsi. Si tratta di una serie di bonifici non andati a buon fine per un totale di 23mila euro.

La parlamentare romagnola uscente, e ricandidata anche per le prossime politiche, ieri non è stata menzionata da Luigi Di Maio nell’elenco di chi ha mentito sulle restituzioni, nonostante fosse stata messa sotto accusa dall’anticipazione de le Iene. Sarti infatti avrebbe difeso a spada tratta il suo operato con i vertici, prendendosela, tra le lacrime, con l’ex fidanzato e già suo collaboratore. I vertici avevano fatto sapere di volerla salvare, ma a patto che lei stessa provasse la sua buona fede sporgendo denuncia. I 5 stelle ci tengono però a specificare che la Sarti si è recata spontaneamente in questura per sporgere denuncia.

Nella denuncia, di cui l’Ansa è in possesso, Sarti racconta di essere stata fidanzata con Bogdan “per circa 4 anni” fino alla rottura un anno fa. Sarti spiega che Bogdan, consulente informatico si “occupava, con il mio consenso della gestione della contabilità”, incluse le restituzioni al fondo del microcredito. “Martedì sera ho fatto un controllo puntuale e mi sono resa conto che non erano stati eseguiti alcuni bonifici al Mef”, si legge nella denuncia in cui Sarti sottolinea di aver provveduto il 14 febbraio a sanare la sua posizione versando “le somme dovute, pari a 23mila euro“.

Sarti allega nella denuncia i bonifici effettuati dall’ex fidanzato nel 2014 (7 per una somma di 5.400 euro), nel 2017 (13 bonifici per un totale di 12.900 euro) e nel 2018 (5 bonifici per un totale di 5.400). “Voglio precisare che ogni tanto controllavo tali bonifici e non mi risultavano irregolarità” e “voglio precisare che Bogdan mi aveva avvisato che non avrebbe fatto i versamenti in maniera puntuale perché quelle somme di denaro gli servivano urgentemente per curarsi ma ero convinta che avrebbe fatto i versamenti in un secondo momento”. “Non ho ancora modificato i miei codici di accesso nell’home banking. Mi riprometto di di chiudere il conto al più presto. Ho chiesto a Bogdan spiegazioni sul denaro mancante ma lui si è giustificato dicendo che per motivi di salute gli servivano somme di denaro”, è scritto ancora nella denuncia di Sarti che sottolinea di non sapere dove al momento, viva il suo ex.

Intanto Le Iene pubblicano sul loro sito un nuovo servizio in cui sostengono come siano 14 i parlamentari del M5s non in regola con le restituzioni ma senza indicarne il nome. “Sarebbero 14 i parlamentari Cinque stelle che hanno pubblicato dei bonifici che non sono mai arrivati a destinazione nel fondo per il microcredito – scrivono gli inviati della trasmissione Mediaset – Questo il numero che risulta alla fonte de Le Iene. E alcuni di questi parlamentari morosi, ancora senza nome perché prima vorremmo incontrarli per chiedere conto, avrebbero escogitato un altro giochino originale per trattenere più soldi nelle loro tasche. Non si tratterebbe, quindi del solito metodo di annullamento del bonifico appena inviato, che permetteva così di inviare la ricevuta al sito tirendiconto.it e quindi di risultare formalmente in regola, che in tanti hanno praticato. Nei prossimi giorni renderemo noti i chiarimenti dei parlamentari che non sono presenti nella lista di Di Maio e che siamo riusciti a incontrare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Bersani (Leu): “Berlusconi propone contratti e condoni? È come l’oste non campa dando da bere agli ubriachi”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Meloni: “Non sono ragazza pon-pon di Salvini e Berlusconi”. E attacca direttore Museo Egizio e centri sociali

next