San Valentino è la festa degli innamorati ma a mettere un po di pepe nelle relazioni ci pensa Pornhub, la piattaforma di contenuti hard on demand, che per l’occasione permette a tutti gli utenti di accedere gratis ai contenuti a pagamento. Un’iniziativa già sperimentata nel 2017, quando l’effetto “San Valentino” si è fatto sentire: solo nella giornata del 14 febbraio, infatti, il sito ha registrato un picco di 3,5 milioni di accessi, +308% rispetto alla media mensile.

Tra i contenuti preferiti dagli utenti per l’occasione, stando alle ricerche online, ci sono i video delle categorie “lesbian, ebony, school, celebrity, pov, german e baby sitter“. Ma quelle che hanno registrato, in percentuale, gli incrementi più significativi sono “lesbian premium” (+1.594%), “premium HD” (+1.388%) e “valentines day” (+1.092%).

Dai dati diffusi da Pornhub, si scopre così che il Cile ha registrato un aumento record di accessi al sito hard nello scorso San Valentino, con +7.288% rispetto alla media mensile. Seguono Messico (+4.913%), Perù (+4.845%). Dopo il blocco dell’America Latina (con Colombia, Ecuador e Argentina), si arriva finalmente in Europa dove primeggiano Polonia (+2.320%), Repubblica Ceca (+1.7894%) e Norvegia (+1.578%). L’Italia, con il suo +591%, arriva 14esima e penultima in Europa (segue solo la Francia, con il +544%), sintomo del fatto che gli italiani sono ancora un popolo di romanticoni.

Ma Pornhub non è nuova ad iniziative di questo genere: a gennaio aveva lanciato la promozione dedicata alle donne nel periodo mestruale, con il motto “F*ck Your Period. Un’operazione commerciale basata su alcune ricerche che confermano i benefici dell’orgasmo durante le mestruazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

San Valentino, l’allarme del Wwf: “Cambiamento del clima ostacola l’amore fra gli animali”

prev
Articolo Successivo

San Valentino per chi cerca la sua metà, due nuove app decretano la ‘morte dell’amore’

next