Pietro Grasso vuole reintrodurre il tetto di 240mila euro per gli stipendi? Credo che ci stia prendendo in giro, perché quel tetto lo abbiamo messo noi, tanto che si chiama inizialmente ‘tetto Renzi'”. Così a Otto e Mezzo (La7) il segretario del Pd, Matteo Renzi, risponde sulla proposta di Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, di reintrodurre il tetto degli stipendi per i funzionari e le alte cariche del Senato. “L’unico che non rispetta quel tetto è Grasso” – continua – “Lo rispettano Mattarella, Boldrini e tutti, lui no. Ora, che venga a farci la morale anche su questo, per piacere, anche no”. Ed esibisce la prima pagina de Il Giornale, il cui direttore, Alessandro Sallusti, è presente in studio. “Il titolo di questo numero di gennaio recita ‘Grazie Grasso’” – afferma Renzi – “quando, appunto, Grasso ha fatto la sua scelta. Io ritengo il partito di D’Alema il miglior amico di Berlusconi e di Salvini, perché è il loro primo alleato. E quindi Il Giornale ha scritto ‘Grazie Grasso’. Penso che un elettore di sinistra radicale sappia perfettamente che si debba votare per un partito di centrosinistra. Il presidente del Senato, se vuole dare il buon esempio, inizi lui, magari restituendo i denari che si era impegnato a dare al Pd”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Macerata, Cuperlo: “Pd non ha nulla da rimproverarsi, sull’antifascismo non si fa campagna elettorale”

prev
Articolo Successivo

M5s, Grillo sul palco con Di Maio: “Dire che siamo tutti uguali è alibi per non fare nulla”

next