Si chiama Patrizio Iacono, ha 21 anni ed è di origini sarde il giovane responsabile della sparatoria a Pisa. Il ventunenne, che è ancora in fuga e che gli inquirenti stanno cercando, ha numerosi precedenti per rapina e altri reati contro il patrimonio e avrebbe usato armi clandestine. Secondo quanto si è appreso, le pistole utilizzate da Iacono per ferire i clienti del bar sarebbero entrambe illegalmente detenute e probabilmente provenienti dal mercato nero e con matricola abrasa.

Alcuni clienti della caffetteria lo avevano rimproverato perché impennava con la moto lungo le strade del quartiere. E a quel punto ha iniziato a sparare ad alcuni passanti, ferendone quattro. Poi è fuggito. Il fatto è accaduto nella tarda mattinata di oggi alla periferia di Pisa, in via Michelangelo, quartiere Cep. “E’ arrivato dicendo che voleva il casco della moto. Ma il casco era su un tavolino”, ha raccontato un testimone. Altri poi aggiungono che “all’inizio ha tirato fuori una scacciacani poi è tornato poco dopo con una pistola vera e propria e ha cominciato a sparare ad altezza uomo“. Intorno alle 13.30 si era sparsa la voce che le forze dell’ordine avessero rintracciato e accerchiato lo sparatore in un palazzo sui lungarni, ma l’allarme è rientrato poco dopo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macerata, tensione in centro per il presidio di Forza Nuova. Dieci manifestanti in questura

next
Articolo Successivo

Macerata, Galantino (Cei): “Ingiustificabili spari verso chi ha pelle diversa. Tema migranti diventato merce elettorale”

next