Si chiama Patrizio Iacono, ha 21 anni ed è di origini sarde il giovane responsabile della sparatoria a Pisa. Il ventunenne, che è ancora in fuga e che gli inquirenti stanno cercando, ha numerosi precedenti per rapina e altri reati contro il patrimonio e avrebbe usato armi clandestine. Secondo quanto si è appreso, le pistole utilizzate da Iacono per ferire i clienti del bar sarebbero entrambe illegalmente detenute e probabilmente provenienti dal mercato nero e con matricola abrasa.

Alcuni clienti della caffetteria lo avevano rimproverato perché impennava con la moto lungo le strade del quartiere. E a quel punto ha iniziato a sparare ad alcuni passanti, ferendone quattro. Poi è fuggito. Il fatto è accaduto nella tarda mattinata di oggi alla periferia di Pisa, in via Michelangelo, quartiere Cep. “E’ arrivato dicendo che voleva il casco della moto. Ma il casco era su un tavolino”, ha raccontato un testimone. Altri poi aggiungono che “all’inizio ha tirato fuori una scacciacani poi è tornato poco dopo con una pistola vera e propria e ha cominciato a sparare ad altezza uomo“. Intorno alle 13.30 si era sparsa la voce che le forze dell’ordine avessero rintracciato e accerchiato lo sparatore in un palazzo sui lungarni, ma l’allarme è rientrato poco dopo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Macerata, tensione in centro per il presidio di Forza Nuova. Dieci manifestanti in questura

prev
Articolo Successivo

Macerata, Galantino (Cei): “Ingiustificabili spari verso chi ha pelle diversa. Tema migranti diventato merce elettorale”

next