Il raid xenofobo avvenuto a Macerata sabato scorso “non può essere giustificato” in alcun modo. “Perché se cominciamo a distinguere i morti che possono essere pianti da quelli che si possono accettare come un prezzo da pagare diventiamo veramente una realtà nella quale diventa impossibile vivere”. Lo ha sottolineato monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei a Tv2000, in occasione dei 20 anni di Tv2000 e InBlu Radio. “Non posso giustificare il fatto che qualcuno con una pistola spari ai primi che incontra solo perché hanno il colore della pelle diversa dalla mia. Quello che è successo a Macerata è drammatico, non si giustifica“, ha detto il segretario generale della Cei. “Quando si dice – ha proseguito – che chi ha ‘ammazzato’ gli immigrati ha ‘ammazzato’ gente per vendetta, si vuole trovare una giustificazione ad un fatto che non trova giustificazione”. Quindi un auspicio: “Speriamo che la giustizia faccia subito chiarezza e venga condannato chi ha ucciso Pamela ma anche chi ha sparato ai migranti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pisa, motociclista litiga al bar. Poi esce in strada e spara: quattro feriti. E’ in fuga

next
Articolo Successivo

Lucca, antagonisti contestano incontro di Casapound: scontri con la polizia

next