Sessantadue anni. Tanto è passato da quando l’ultimo esemplare di D-Type, la leggendaria auto da corsa del Giaguaro vincitrice tra il 1955 e il 1957 per tre volte della 24 Ore di Le Mans, venne costruito. Nel 1995, infatti, venne deciso di fabbricarne 100, di cui in realtà solo 75 furono completati. Ora Jaguar ha deciso di terminare l’opera, realizzando quegli ultimi 25 esemplari mancanti nello stabilimento del Warwickshire, dove gli specialisti del reparto Classic Works li costruiranno rigorosamente a mano: sia le versioni “short nose” a naso corto che quelle “long nose” a naso lungo e con la pinna posteriore. Questa della D-Type, il cui primo esemplare ricostruito è stato presentato alla rassegna Retromobile di Parigi, è la terza operazione di “recupero” di grandi classici della casa inglese: nel 2014-2015 Jaguar ha infatti completato la produzione degli ultimi sei esemplari della Lightweight E-type e nel 2017-18 quella delle ultime nove XKSS.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tesla Roadster, in rotta verso Marte sulle note di “Space Oddity” – FOTO

next
Articolo Successivo

Corbellati Missile, la hypercar più veloce del mondo debutta a Ginevra – FOTO – FOTO

next