Dopo il lancio avvenuto con successo ieri sera dello Space X Falcon Heavy, sulle note di “Life on Mars” di David Bowie, anche il suo “prezioso” carico è ben indirizzato verso la meta: nella pancia del razzo era infatti sistemata una Tesla Roadster destinata ad arrivare (nelle speranze dell’istrionico Elon Musk) fino su Marte. Che in effetti è stata rilasciata proprio sulla rotta corretta, visto che punta dritto verso la fascia di asteroidi tra la Terra ed il Pianeta Rosso. Al volante c’è Starman, un manichino vestito da astronauta, mentre la radio di bordo trasmette “Space Oddity” e sul display della plancia c’è scritto “Don’t Panic”. Nel cassetto del cruscotto, invece, c’è una copia della “Guida Galattica per autostoppisti”. Comunque sia, è impossibile che la sua auto sportiva raggiunga Marte. Ma la speranza di Musk è che intercetti qualche forma di vita aliena, continuando a fluttuare nello spazio per milioni di anni. Se non si disintegra prima, urtando magari qualche corpo celeste, visto che viaggia alla velocità di 11 chilometri al secondo e pesa 1300 chili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili