“Credo che il Pd e le forze di sinistra debbano essere nostre alleate, anche perché dalla destra gli attacchi sono evidenti. E il Movimento 5 Stelle non dà garanzie”. La comunità Lgbtqi apre al Partito Democratico e alla sua principale eredità – la legge sulle unioni civili – nel corso di un incontro con il ministro della Giustizia Andrea Orlando, la senatrice Monica Cirinnà e il non candidato Sergio Lo Giudice (la cui storia politica nasce proprio nell’ambito della comunità lgbt) presso il Circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli” a Roma.

“Il Pd ha fatto delle sciocchezze, non candidare Lo Giudice lo è e segnerà. Ma ci interessa il programma”, dice la vicepresidente del Mario Mieli Rossana Praitano. “Il Pd sarà alleato e così sarà per lei: è da quell’area che arrivano le spinte più forti per le nostre rivendicazioni. Poi ognuno ha le Roccella e i Casini del caso. Questa è una tara italica, non solo una tara del Pd, ahimè”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liste Pd, il mea culpa di Orlando: “Esclusione Lo Giudice? Devo chiedere pubblicamente scusa a nome del partito”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Scanzi vs Cerno: “Un anno fa parlavi di Giglio Nero su Renzi e oggi ti candidi col Pd?”

next