“Allontanare Pier Ferdinando Casini dai nostri collegi uninominali”. E’ questo il mantra che risuona in queste ore tra molti militanti ed esponenti del Pd bolognese. Il rischio di una disfatta per i dem, se Casini verrà candidato in un collegio uninominale del capoluogo emiliano-romagnolo, è alto e l’avvertimento che viene lanciato di continuo, alla volta del Nazareno, è che, con il leader centrista candidato a Bologna, il risultato è rischioso. Oggi ci ha provato il ministro Dario Franceschini a fermare le proteste dei dem avvertendo: “Chiudiamo subito ogni polemica e resistenza su Casini o altri esponenti dei partiti alleati nei collegi uninominali, da Bonino a Lorenzin a Tabacci. Lo sapevamo già quando abbiamo discusso nel Pd una politica di alleanze. E’ contraddittorio che chi ha sostenuto quella linea oggi resista rispetto a candidati nei collegi di liste alleate”.

Sotto le Due Torri, però, il rischio di fallire per il Pd, se candida Casini, appare reale per due motivi: perché la base è scontenta della candidatura di Casini e perché il centrista si troverà a fronteggiare Liberi e Uguali che, secondo le indiscrezioni delle ultime ore, schiererà in campo l’artiglieria pesante: Pier Luigi Bersani e Vasco Errani, il primo come capolista del collegio plurinominale alla Camera e il secondo al collegio uninominale del Senato. Due nomi cari all’elettorato ‘rosso’ dell’Emilia-Romagna e al popolo delle Feste dell’Unità.

Il Pd, ieri, aveva pensato di spostare Casini dal collegio uninominale bolognese del Senato a quello della Camera, per evitare la sfida con Errani, e di candidare al Senato, al suo posto, Carla Cantone (ex leader dei pensionati Cgil), mentre potrebbe essere schierato come capolista del listino proporzionale Piero Fassino, per contrastare Bersani se corresse nel listino proporzionale.

Secondo diverse indiscrezioni, però, il segretario Matteo Renzi sta valutando di cambiare strategia e spostare del tutto Casini da Bologna, soprattutto nell’eventualità che anche Bersani venga candidato in un collegio uninominale sotto le Due Torri. Casini verrebbe candidato in un altro collegio sicuro dell’Emilia-Romagna che i bene informati indicano come quello uninominale alla Camera di Parma, un capoluogo molto meno ostile di Bologna perché meno ‘rosso’ e dove LeU non ha big pericolosi da schierare. Nella città ducale ha governato a lungo la destra e gli elettori che hanno scelto l’ex M5s Federico Pizzarotti potrebbero – in assenza di un corrispondente partito del sindaco da indicare alle politiche – votare il Pd che, inoltre, soprattutto in Regione, ha un rapporto molto meno conflittuale con il primo cittadino parmigiano rispetto a quando militava nei 5 Stelle, tanto che alcuni ipotizzano già una possibile coalizione per le prossime elezioni regionali tra il Pd e il ‘partito dei sindaci‘ sognato da Pizzarotti.

La partita delle candidature all’uninominale potrebbe risolversi oggi nel corso di una riunione al Nazareno mentre il puzzle più vasto delle liste sarà con ogni probabilità composto in modo definitivo nella direzione nazionale del Pd, il 26 gennaio prossimo a Roma. Intanto, la minoranza renziana del Pd, a Bologna, ha proposto i nomi di Luca Rizzo Nervo (ex assessore comunale alla Sanità) e della senatrice uscente Francesca Puglisi che potrebbe correre nell’altro collegio uninominale al Senato, mentre nella quota proporzionale la capolista potrebbe essere una donna decisa dai vertici nazionali: Teresa Bellanova, Carla Cantone (se non sostituirà Casini nell’uninominale) o la prodiana Sandra Zampa. Per quanto riguarda la Camera, nei collegi uninominali sono quasi certe le candidature di Andrea De Maria, Gianluca Benamati e del presidente Anci Emilia Romagna, sindaco dimissionario di Imola, Daniele Manca. Altri nomi sostenuti dal Pd di Bologna sono Stefano Caliandro, capogruppo Pd in Regione e la parlamentare uscente Marilena Fabbri, ex sindaco di Sasso Marconi. Sul fronte della minoranza renziana, il nome di Benedetto Zacchiroli potrebbe essere deciso dal Nazareno mentre, per quanto riguarda i nomi che arrivano dalla Regione, tra i candidati sicuri ci sarebbe anche Andrea Rossi, sottosegretario alla Presidenza che è stato scelto da Renzi come responsabile Organizzazione e Roberta Mori, presidente della commissione per la Parità e i Diritti della Regione Emilia-Romagna.