Il ministero dell’Interno afghano ha confermato che una dipendente della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) è stata rapita lunedì mattina a Kabul insieme alla figlia. Lo riferisce 1TvNews. Una fonte ministeriale ha anche confermato che una terza persona è stata uccisa nell’operazione del commando avvenuta nella zona di Khair Khana, un quartiere settentrionale della capitale.

Si ipotizza che la vittima possa essere l’autista del veicolo dell’Unama, tuttavia un giornalista della Bbc a Kabul riferisce che la persona deceduta potrebbe essere un parente della donna rapita. Secondo quanto riferiscono i media afghani, la donna è stata sequestrata mentre portava la figlia a scuola prima di recarsi al lavoro. Ancora non si conosce la nazionalità delle persone coinvolte.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vulcano, isola della Papua Nuova Guinea in eruzione. Migliaia di evacuati e rischio tsunami, le immagini

prev
Articolo Successivo

Su Twitter chiede ‘armonia’ nei rapporti col Qatar, i sauditi lo arrestano

next