“Probabilmente la più grande onda mai cavalcata a Praia do Norte a Nazarè“, ha commentato l’attuale detentore del Guinness, l’americano Garrt McNamara, che nella località portoghese famosa per le mareggiate invernali è di casa. A compiere l’impresa il surfista portoghese Hugo Vau, 40 anni, che ha ‘scalato’ un’onda di 35 metri e subito ribattezzata “Big Mama“. Surfare le grandi onde è considerato uno sport estremo: “Tanta tecnica e tanto lavoro di equipe”, ha spiegato Vau a chi gli ha chiesto il segreto di imprese simili. Il video è stato girato da Jorge Leal il 17 gennaio 2018. L’impresa è stata riconosciuta dalla World Surf League, che l’ha inserita tra quelle candidate al Big Wave Awards 2018. Quanto all’altezza dell’onda, lo stesso Vau ha ammesso la difficoltà della misurazione, che di solito si basa sull’altezza del surfista. Se le dimensioni di Big Mama fossero ufficializzate, Vau entrerebbe nel Guinness dei primati superando McNamara, che nel 2011 ha surfato su un’onda di 23,77 metri sulla stessa spiaggia. “Stavamo aspettando da sette anni un’onda di queste dimensioni ed è esplosa in maniera molto potente e aggressiva, molti dei presenti hanno detto di non aver mai visto nulla di simile”, ha dichiarato Vau all’agenzia portoghese Lusa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pechino taglia il calcio: stop agli investimenti folli nel pallone. Inter e Milan (ma non solo) tremano

prev
Articolo Successivo

Luca Pancalli rieletto per la terza volta consecutiva del Comitato Paralimpico: un presidente per sempre

next