Il gruppo italiano Ferrero si prepara a competere per la corona di re del cioccolato anche negli Usa. La multinazionale della Nutella acquisirà da Nestlé tutto il suo business dolciario statunitense per 2,8 miliardi di dollari in cash. Un’attività che nel 2016 ha generato un fatturato di circa 900 milioni di dollari e che porterà nella scuderia Ferrero più di 20 storici brand americani, tra cui marchi di cioccolato iconici come Butterfinger, BabyRuth, 100Grand, Raisinets, Wonka, oltre al diritto esclusivo sul marchio Crunch negli Stati Uniti, così come i brand di caramelle SweeTarts, LaffyTaffy e Nerds.

Ferrero, un fatturato consolidato che supera i 10 miliardi e più di 30mila dipendenti in oltre 50 Paesi del mondo, era già stata data nei giorni scorsi in pole position per l’acquisizione del cioccolato “a stelle e strisce”, dopo che la sua offerta finale era stata considerata dalla Cnbc “più aggressiva” di quella della rivale Hershey. Con questa acquisizione, l’azienda fondata ad Alba 71 anni fa diventerà il terzo produttore di dolciumi negli Stati Uniti, proprio dietro Hershey e Mars.

Dal 2016, Ferrero ha cercato di rafforzare la sua presenza in terra americana, dove con la sua Nutella sfida il diffusissimo burro d’arachidi. Il mercato dolciario Usa rappresenta oltre un quinto di quello mondiale. Nel mese di ottobre, ha acquisito Ferrara Candy Company, il terzo produttore americano di prodotti dolciari non cioccolatieri. Ferrara ha una posizione forte nel mercato delle caramelle e dei chewing gum, con i marchi Trolli, Brachs o Black Forest Organics. In precedenza, Ferrero aveva già messo in tasca, nel marzo 2017, il produttore americano di cioccolato Fannie May. La multinazionale della Nutella è così già diventata il terzo produttore al mondo di dolciumi al cioccolato.

Il gruppo era rimasto per lungo tempo lontano dalle acquisizioni, sviluppandosi solo attraverso una crescita organica. Ma già dal 2014 aveva rivisto la sua strategia acquisendo prima il gruppo turco Oltan, specializzato in nocciole e poi nel 2015 il cioccolatiere britannico Thorntons, prima di iniziare la sua offensiva negli Stati Uniti. Nel 2016, ha anche creato Delacre e le sue famose sigarette russe per entrare nel mercato dei biscotti di qualità, meno saturi del cioccolato. Nestlè invece ha messo in vendita la sua divisione di dolciumi lo scorso giugno per rispondere al meglio alle esigenze più salutari dei consumatori americani. Con la cessione, la multinazionale punta a concentrarsi su settori – come caffè, cibo per animali e acqua – ritenuti a maggiore crescita.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ryanair, dal 15 gennaio stop ai trolley a bordo gratis. Ammessi solo borsetta e zaino

next
Articolo Successivo

Usa, Apple riporta in patria 38 miliardi e annuncia 20mila nuovi posti di lavoro dopo la riforma fiscale di Trump

next