Quando lo scorso giugno ha annunciato il suo addio al cinema tutto lo showbiz ha avuto un sussulto perché un attore dal talento admantino come quello di Daniel Day Lewis è un bene che nessuno avrebbe potuto perdere. Il FattoQuotidiano.it vi mostra un video fanmade con le sue interpretazioni, per cui il 60enne tre volte premio Oscar si preparava per mesi.

L’ultima perfomance è quella de Il Filo Nascosto, ultima opera del regista Paul Thomas Anderson. Ambientato nella Londra glamour del dopo guerra negli anni ’50, Lewis si è trasformato nel sarto Reynolds Woodcock che con sua sorella Cyril (Lesley Manville) è al centro della moda britannica con la realizzazione di vestiti per la famiglia reale, star del cinema, ereditiere, debuttanti e dame. Le donne entrano ed escono nella vita di Woodcock, dando ispirazione e compagnia allo scapolo incallito, fino a quando non incontra una giovane e volitiva donna, Alma (Vicky Krieps), che presto diventa parte della sua vita come musa e amante. La sua vita attentamente “cucita su misura”, una volta così ben controllata e pianificata, viene ora stravolta dall’amore. In sala dal 22 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Golden Globe 2018, ecco i vincitori della 75esima edizione. Da Meryl Streep a Nicole Kidman, tutte le foto del red carpet

prev
Articolo Successivo

Tre Manifesti a Ebbing, Missouri, il regista McDonagh: “Storia di una guerra tra due persone che sono dalla parte giusta”

next