Il prossimo 4 marzo oltre che per le elezioni politiche, in Lombardia e Lazio si voterà anche per le regionali e l’ipotesi di un centrosinistra unito nei nomi di Nicola Zingaretti e Giorgio Gori, pare già essere tramontata ancor prima che l’assemblea nazionale di Liberi e Uguali a Roma. E se Pietro Grasso non prende una posizione netta, nessun altro degli esponenti di LeU apre a Gori, candidato dem per la Regione Lombardia e sul nome di Zingaretti solo Artuto Scotto non dà giudizi negativi, ma chiarisce: “decideranno nei territori”. Espressione utilizzata anche da Bersani e Speranza, mentre più nette le posizioni di Fassina, Fratoianni e Civati: “Occorre discontinuità, ad oggi non ci sono le condizioni per un alleanza”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grasso: “In Parlamento con noi solo persone rispettabili e rispettate”. Tasse? “Aboliamo quelle universitarie”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Muroni e Bersani (LeU): “La nostra priorità? Eliminare i contratti precari per i giovani”

next