Il prossimo 4 marzo oltre che per le elezioni politiche, in Lombardia e Lazio si voterà anche per le regionali e l’ipotesi di un centrosinistra unito nei nomi di Nicola Zingaretti e Giorgio Gori, pare già essere tramontata ancor prima che l’assemblea nazionale di Liberi e Uguali a Roma. E se Pietro Grasso non prende una posizione netta, nessun altro degli esponenti di LeU apre a Gori, candidato dem per la Regione Lombardia e sul nome di Zingaretti solo Artuto Scotto non dà giudizi negativi, ma chiarisce: “decideranno nei territori”. Espressione utilizzata anche da Bersani e Speranza, mentre più nette le posizioni di Fassina, Fratoianni e Civati: “Occorre discontinuità, ad oggi non ci sono le condizioni per un alleanza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grasso: “In Parlamento con noi solo persone rispettabili e rispettate”. Tasse? “Aboliamo quelle universitarie”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Muroni e Bersani (LeU): “La nostra priorità? Eliminare i contratti precari per i giovani”

next