Rissa a colpi di tweet in casa Rai. Un botta e risposta al vetriolo quello tra due volti noti del calcio di viale Mazzini: Enrico Varriale e Marco Mazzocchi. Il motivo? Le polemiche dopo il posticipo della Seria A nel giorno dell’Epifania. La Juventus vince contro il Cagliari grazie al Var. Anzi grazie al non utilizzo del Var che avrebbe fatto assegnare un ricore ai sardi a causa del mani in area di Federico Bernardeschi. La rete ovviamente si riempie di commenti velenosi contro i bianconeri. I tifosi delle altre squadre twittano feroci contro il presunto “aiutino” alla squadra di Massimiliano Allegri. E anche Varriale non la prende bene. “Stasera – scrive il giornalista Rai – #CagliariJuve è sembrata una partita del passato quando non c’era #Var, non usata inspiegabilmente sul mani in area di Bernardeschi da rigore.Assurdo anche non fischiare la gomitata su Pavoletti.X me Calvarese scandaloso.Curioso di leggere commenti dei tifosi @Juventusfc “

Passano alcuni minuti ed ecco che arrivano addirittura due tweet di replica di Mazzocchi. “Sono costretto ancora a rispondere ai molti tweet che mi arrivano su ciò che viene scritto da colleghi. I social danno licenza di scrivere ciò che si vuole. Ognuno se ne assume la responsabilità ed è giudicato per quanto scrive. Io non ho potere né desiderio di censurare nessuno”, è il primo messaggio postato dal vicedirettore di Rai Sport.

Che poi rincara la dose: “Sarò più chiaro. Non è nei poteri di un ViceDirettore (io) censura o sanzione di un collega per l’uso privato che fa di Twitter. Chiaro che sui contenuti che mi avete girato mi dissocio pubblicamente. E specifico che NON RAPPRESENTA LA LINEA DI RAISPORT”. Polemica chiusa? No, perché Varriale ci tiene a contro commentare: “Io – scrive sempre su twitter – so che la linea della RAI é raccontare sempre la verità. Che è più forte di tutto e tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marina Ripa di Meana, una vita in fotografia tra tappeti rossi, salotti tv e proteste shock

next
Articolo Successivo

Maneskin e i complimenti di Carlo Verdone in diretta tv: “Damiano è un grande”

next