Il centrodestra vincente e vicino anche ad avere la maggioranza in entrambi i rami del Parlamento. Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia avrebbero 292 seggi alla Camera e 151 al Senato, grazie soprattutto alle performance nei collegi uninominali. È questa la fotografia scattata dall’ultima simulazione Ixè per l’Huffington Post, aggiornato al 30 dicembre.

La Camera – Alla Camera, la coalizione di centrodestra raggiungerebbe i 292 seggi, seguita dal Movimento Cinque Stelle con 167 deputati e il Partito Democratico inchiodato a 128. A Liberi e Uguali spetterebbero 29 seggi, tutti grazie al proporzionale, mentre ad altre formazioni andrebbero i restanti 4 onorevoli. Nei collegi uninominali, la vittoria di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia rischia d’essere schiacciante: su 231 deputati da eleggere, ben 145 andrebbero al centrodestra con un’affermazione netta al Nord, nel Lazio, al Sud e nelle Isole. Nelle regioni settentrionali 68 onorevoli su 90 andrebbero ai candidati delle tre forze di destra, 14 al M5s e appena 6 al Pd. Nel Lazio e al Meridione, invece, sarebbero 72 gli eletti nella coalizione di centrodestra su 101 posti in palio. I restanti deputati andrebbero al Movimento Cinque Stelle (25) e al Pd (4). Il partito di Matteo Renzi conquisterebbe invece 23 seggi nelle “regioni rosse”, undici in più dei pentastellati, recuperando su Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia che ne prenderebbero 12. All’asciutto la sinistra guidata da Piero Grasso, che elegerebbe la sua pattuglia di onorevoli solo grazie al proporzionale.

Il Senato – Situazione simile al Senato, dove il centrodestra ad oggi conquisterebbe 151 seggi, doppiando abbondantemente il Pd fermo a quota 68. I Cinque Stelle, stando ai dati Ixè, potrebbero contare invece su 83 senatori e Liberi Uguali si fermerebbe a 11. Due, invece, finirebbero ad altre forze politiche. Come alla Camera, il risultato della coalizione berlusconiana sarebbero frutto di una netta affermazione nei collegi del Nord e dal Lazio in giù: 35 seggi nelle regioni settentrionali, 38 in quelle meridionali e 2 nelle regioni rosse garantirebbero al centrodestra la conquista di 75 senatori su 115 tra quelli eletti nell’uninominale. Secondo Ixè, il Movimento Cinque Stelle vince in 23 testa a testa e il Pd in appena 17 casi, undici dei quali nelle regioni centrali tradizionalmente di centrosinistra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, la rivoluzione di Statuto e Codice etico: il Garante diventa elettivo, nasce l’Assemblea e cade il divieto associarsi ad altri partiti

next
Articolo Successivo

M5s, Casaleggio: “Noi un partito? No, rifiutiamo i soldi pubblici. Una multa è il minimo per chi tradisce elettori”

next