Signor Presidente Sergio Mattarella,

quando lo scorso 13 maggio Le consegnai la prima lettera con allegato il dossier che dimostrava l’impossibilità per i cittadini di esercitare il diritto a promuovere i referendum riconosciuto dall’articolo 75 della Costituzione, ero consapevole che sarebbe stato un percorso lungo.

In queste 33 settimane, l’iniziale duran adam si è trasformato in una campagna per i diritti politici, che ha visto partecipare fisicamente davanti al Quirinale nei diversi sabati oltre cinquanta cittadini, a partire dal co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni, Marco Gentili.

Abbiamo nuovamente, ed inutilmente, tentato di richiamare il Parlamento e il governo ai loro doveri costituzionali: mentre il governo ci ha totalmente ignorato, in occasione delle modifiche alla legge elettorale l’emendamento dell’onorevole Mara Mucci – che introduceva per i referendum la firma telematica e l’attestazione da parte dei cittadini delegati dai Comitati promotori della veridicità delle sottoscrizioni raccolte su moduli cartacei – è stato respinto dalla Camera dei deputati pur avendo il favore di 173 deputati.

Purtroppo, non siamo davanti ad una sciatteria istituzionale bensì alla prosecuzione di quella convenzione antireferendaria che ha caratterizzato la storia della nostra Repubblica.

Il Parlamento, infatti, si è dimostrato ben consapevole degli ostacoli all’esercizio dei diritti politici rappresentati dall’attuale disciplina sulla raccolta firme, approvando una norma, valida solo per le elezioni, che estende agli avvocati cassazionisti (circa 50 mila in Italia) la platea degli autenticatori e introduce la firma telematica sempre solo per la presentazione di liste elettorali. Per le stesse ragioni, è stato dapprima dimezzato e poi ridotto di un quarto il numero di firme da raccogliere per presentarsi alle elezioni.

Ebbene, signor Presidente, se per una lista elettorale è oggettivamente impossibile raccogliere 50mila firme in un mese, come potrebbe essere possibile per un Comitato promotore di un referendum raccogliere 500mila firme in tre mesi in presenza dell’onere di autenticazione da parte di un pubblico ufficiale?

Se, come si legge sulla stampa, a fine dicembre saranno convocati i comizi elettorali, ciò significa che – ai sensi della legge n 352 del 1970 – dal 1 luglio al 30 settembre 2018 sarà teoricamente possibile depositare richieste di referendum abrogativi. Dunque, le firme su eventuali quesiti referendari potrebbero essere raccolte sin dal prossimo mese di aprile. Peccato, però, che non ci saranno autenticatori disponibili.

La fine della legislatura, senza che alcun rimedio sia stato approntato, rende certo che anche quest’anno il diritto dei cittadini di promuovere referendum sarà negato alla radice. E si tratterà dell’ottavo anno consecutivo in cui, a parte grandi partiti e organizzazioni sindacali, agli italiani sarà vietato quanto riconosciutogli dalla Costituzione.

Fortunatamente, al silenzio degli uomini che rappresentano le Istituzioni non corrisponde quello dei cittadini: in questo periodo, oltre ai partecipanti al duran adam sono 960 gli italiani che hanno sottoscritto online – sul sito www.referendumact.it – un appello con cui Le chiedono di intervenire attraverso i poteri che la Costituzione riconosce al suo ruolo di Garante, in particolare con un messaggio alle Camere di cui all’articolo 87 della Carta costituzionale.

Sono qui oggi per consegnarLe queste prime firme, che sono certo cresceranno nei prossimi mesi, anche al fine di sottoporLe la valutazione circa uno slittamento della fine della legislatura in modo da poter consentire, anche attraverso un decreto legge, di porre rimedio a questo vulnus costituzionalmente intollerabile.

Mi preme anche informarLa, signor Presidente, che nelle prossime settimane porteremo la situazione di negazione dei diritti politici che stiamo vivendo in Italia all’attenzione delle istituzioni europee, certi in questo modo di supportarLa nel difficile esercizio delle Sue responsabilità, anche a fronte di quella convenzione antireferendaria che i partiti maggioritari continuano a perseguire in contrasto con la Costituzione e i Trattati stessi dell’Unione europea.

Con osservanza,
Mario Staderini