I ricercatori italiani hanno scoperto un sistema di profonde spaccature sotto il mar Ionio, una vera e propria “finestra”. La scoperta contribuisce a spiegare il lento ma progressivo allontanamento della Sicilia e della Calabria e l’elevato rischio sismico della zona. “Le numerose campagne oceanografiche effettuate nella zona – spiega Alina Polonia, la ricercatrice del Cnr che ha coordinato lo studio – hanno permesso di scoprire un sistema di faglie diffuso non lontano dalle coste che ora può essere sorvegliato”.

“Aver scoperto questo sistema in mare – aggiunge la ricercatrice – è positivo. Faglie a terra, infatti, farebbero senz’altro più danni. Ma, rassicura la ricercatrice, “si tratta di processi lenti e non catastrofici, che confermano i rischi geologici che la zona conosce”. Questa scoperta avrà importanti implicazioni per capire meglio come si formano le catene montuose e come questi processi siano legati ai forti terremoti storici registrati in Sicilia e Calabria. “Ora – spiega ancora Alina Polonia – l’Arco Calabro, il sistema di subduzione tra Africa ed Europa nel Mar Ionio, ha un importante primato: è l’unica regione al mondo in cui sia stato descritto materiale del mantello in risalita dalla placca in subduzione”.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, è stato condotto da ricercatori dell’Istituto di scienze marine Ismar-Cnr di Bologna, dell’università di Parma, dell’Ingv e del Geomar (Germania) e aiuterà anche a capire la formazione delle catene montuose e i forti terremoti storici. Lungo queste strutture, infatti, risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico da una profondità di circa 15-20 km. Lo studio, intitolato, Lower plate serpentinite diapirism in the Calabrian Arc subduction complex, consente di osservare da vicino blocchi dell’antico oceano, svelando i processi che hanno portato alla sua formazione.

“Le faglie lungo le quali risale il mantello della Tetide – spiega ancora Alina Polonia, coordinatrice della ricerca – controllano anche la formazione del monte Etna, dimostrando che si tratta di strutture in grado di innescare processi vulcanici e causare terremoti. Queste faglie, infatti, sono profonde e lunghe decine di chilometri, e separano blocchi di crosta terrestre in movimento reciproco”. Attraverso uno studio multi-disciplinare, che integra immagini acustiche del sottosuolo, dati geofisici e campioni di sedimento, acquisiti nel corso di spedizioni scientifiche con la nave oceanografica del Cnr Urania, è stato possibile identificare le faglie, ricostruire la loro geometria e scoprire anomalie geochimiche nei sedimenti legate alla presenza di fluidi profondi. L’analisi di tutti i dati raccolti ha permesso di proporre un modello geologico che conferma l’origine profonda del materiale in risalita lungo le faglie.

Lo studio su Nature.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il telescopio cinese parcheggiato in orbita in cerca di materia oscura

prev
Articolo Successivo

Doping cerebrale, nuova frontiera (legale) per migliorare le prestazioni. Il ciclismo ci prova. Lo scienziato: “Agisce sulla fatica”

next