Non rifarebbe ciò che ha fatto. Il capotreno che alla fine di settembre ha morso un passeggero senegalese sprovvisto di biglietto, sulla linea Brescia-Cremona, e che qualche giorno fa è stato licenziato da Trenord, col senno di poi non si sarebbe comportato così. Ma certamente in maniera più “misurata”. Tuttavia Giordano Stagnati, 25 anni, non si aspettava di essere licenziato. L’uomo racconta di quel diverbio sfociato in colluttazione, e spiega che “capita spesso di pizzicare passeggeri senza biglietto. Durante il mio lavoro sono stato insultato, minacciato. Una volta mi hanno tirato addosso della birra”. Giordano vuole tornare al lavoro, fare il capotreno è sempre stato il suo sogno. Ora quel sogno si è interrotto. Intanto Stagnati ha annunciato di voler impugnare il licenziamento

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, dietro il discorso del Papa lo scontento dei dipendenti per i bonus cancellati e gli scatti di anzianità fermi

next
Articolo Successivo

Napoli, esplode bomba carta nella notte: morto un 32enne, ferita una donna. “La bomba pesava oltre un chilo”

next