Puntuale come l’Herpes Simplex psicosomatico, ogni anno arrivava il Natale e nonostante personali attriti con il signor Santa Claus irritato dal mio disinteresse nei suoi confronti (non gli ho mai scritto una letterina), ero felice. Che permaloso però… Erano gli anni in cui nessun coetaneo avrebbe mai osato dire “Che palle il Natale!”, più che altro non sarebbe stato credibile, perché Natale era proprio una figata.

Natale significava stare a casa da scuola, ricevere regali, andare a letto tardi, farsi accompagnare al cinema, giocare e poi nell’aria si respirava una magica atmosfera di attesa fatta di riti irrinunciabili, uno per tutti: l’acquisto delle statuine del presepe. Noi, piccolo esercito di consumatori in erba sapevamo benissimo che le migliori le avremo trovate al mercatino di Santa Lucia (città che vai, mercatino di Natale che trovi, nel mio caso è Bologna) tra luci, zucchero filato, stalle, mangiatoie, re magi, stelle comete, alberi di natale, pesci rossi, pesci bianchi ed olio di tigre.

Folle di adulti muniti di bimbi con cuffia affollavano il portico e se nevicava si era ancor più contenti, tutti inconsapevoli del fatto che da grandi, prima o poi,  qualcuno avrebbe osato dire: “Che palle il Natale!”. No!!! Fermi tutti! Proviamo invece a godercela che a romperci le palle facciamo in tempo tutto l’anno e l’alibi del Natale mi sembra deboluccio. O no?

Auguri a tutti, soprattutto agli odiatori della rete (in nerditaliano: haters)!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se spelacchio è Renzi, Di Battista su Instagram ‘E’ più vivo di te’

next
Articolo Successivo

Alta velocità, è uno dei frutti del nuovo fascismo?

next