Il gioco delle coppie in automobile. Arriva sulla piattaforma Vodafone TV il dating show Third Wheel. Esperimento buffo nel tono e rapidissimo nel minutaggio di un appuntamento al buio sopra una macchina in transito. Dal 14 dicembre 2017 sono disponibili i dodici minuti della prima puntata condotta da Michele Bravi e Alice Venturi che, grazie ad un ampio mini van dai vetri oscurati, e alla funzione di autista a turno, fanno incontrare coppie di futuri e possibili fidanzati, in una sorta di seconda fila di poltroncine dell’auto.

Prima sale uno dei concorrenti, si comincia in breve a raccontare, poi sale l’altro, e si racconta in breve anche lui/lei. Domandine e giochini al volo, giusto per capire cosa si ha un comune, e soprattutto cosa non si ha, fino alla finta cena del primo appuntamento con tanto di conduttore – nella prima puntata c’era Bravi in fondo all’auto – a “reggere” come da titolo “il moccolo”. E se Jonathan, animatore di giochi per bambini, e Valentina, che pratica Krav Maga, si sono detti sì, dopo aver fatto assaggiare l’uno all’altro, con tanto di benda nera sugli occhi molto fetish, porzioncine di cioccolata, liquirizia e dado da brodo, a breve toccherà a parecchie altre coppie, tutte molto connotate nelle tipologie culturali, d’abbigliamento e professionali di appartenenza, oltre all’appuntamento al buio di due gay, Michele e Stefano, che vedrà presto il suo esito.

Posizionato tra i più recenti esperimenti blind date tv, Third Wheel strizza l’occhio alle antiche spavalde pulsazioni amorose del Gioco delle coppie di Predolin/Dell’Abbate, e si ricollega ai recenti Undressed e L’isola di Adamo ed Eva colorando l’incontro in automobile con una spruzzatina sexy tra bacetti, mani che toccano, e bendaggi. Third Wheel Italia è una coproduzione tra De Agostini Editore e AwesomenessTV basata sul format originale “Third Wheel” creato da Meredith Danowitz e Chris Babers e si può interagire con il programma andando sui social. Bravi e Venturi, infine, infondono quelle freschezza e sintesi tipicamente 2.0. per rendere il giochino gustoso e ritmato quanto basta per tornare a vedere la puntata successiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il giocatore invisibile, tratto dal libro di Giuseppe Pontiggia il film di Stefano Alpini avrebbe meritato maggior fortuna in sala

prev
Articolo Successivo

Quando l’influencer è un cane: sempre sul pezzo, fotogenico, giramondo, ecco la storia di Crusoe

next