Scioperano i dipendenti di Ryanair, Alitalia, Vueling ed Enav. E si preannuncia un venerdì di disagi per chi viaggia in aereo. A conti fatti, i problemi nel comparto aereo investiranno, a scaglioni, tutta la giornata. Dalle 13 alle 17 sciopereranno i lavoratori di Ryanair e controllori di volo, mentre il personale di Vueling si fermerà dalle 10 alle 14. In Alitalia hanno proclamato lo sciopero soltanto i lavoratori rappresentati dalla sigla Cub, senza disagi effettivi per l’azienda che arriveranno però dall’astensione dal lavoro dei dipendenti Enav. A causa loro verranno cancellati 77 voli, ma Alitalia promette la ricollocazione dell’80% dei passeggeri nella stessa giornata.

Chi ha prenotato un volo colpito dallo sciopero è già stati allertato anche dalle altre compagnie sui disagi e eventuali cambi di orario per i voli interessati dalle proteste. L’Enac, infatti, ha avvisato che “saranno garantiti tutti i voli, inclusi i voli charter, schedulati in partenza nelle fasce orarie 7-10 e 18-21 oltre a tutti i voli charter da/per le isole regolarmente autorizzati o notificati anteriormente alla data di proclamazione dello sciopero”.

Ma quanto accadrà domani potrebbe essere solo un assaggio di quello che potrebbe verificarsi nei prossimi giorni, dopo la doppia protesta dei comandanti della compagnia irlandese in Irlanda e Germania. Anche il sindacato italiano della categoria, Anpac, ha chiesto l’applicazione del contratto collettivo di lavoro. In una lettera inviata ai lavoratori italiani, Ryanair ha risposto che chi sciopererà andrà incontro a sanzioni, invitando così i dipendenti ad astenersi dallo stop. Tra le penalità minacciate, “la perdita di futuri aumenti in busta paga secondo l’accordo”. Affermazioni che hanno immediatamente scatenato le reazioni di sindacati e autorità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ryanair, dietro allo sciopero dei dipendenti le clausole oscure del contratto: infortuni e busta paga a fisarmonica

prev
Articolo Successivo

Studenti, non date retta a Ichino: la scuola non è un ufficio di collocamento

next