Il 9 dicembre 2013, quattro attivisti per i diritti umani furono rapiti da un gruppo armato nella sede del Centro di documentazione sulle violazioni dei diritti umani di Duma, a nord-est della capitale siriana Damasco.

Da allora di Razan Zeitouneh, Wael Hamada, Samira Khalil e Nazem Hammadi (conosciuti come “i quattro di Duma”) non si sono più avute notizie.

In occasione del quarto anniversario della loro sparizione, Amnesty international ha lanciato una campagna intitolata “Quattro anni, quattro parole” per chiedere al governo siriano e ai gruppi dell’opposizione armata di fornire informazioni sui “quattro di Duma” e sulle altre decine di migliaia di persone vittime di sparizione forzata o di rapimento a partire dal 2011, compreso padre Paolo dall’Oglio.

La campagna si svilupperà attraverso un sito dedicato, su cui è già stata pubblicata una straziante lettera di Yassin Hajj Saleh, il marito di Samira Khalil.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ballottaggio Corsica, exit poll: “Coalizione nazionalista verso la vittoria col 56,9%”. Talamoni e Simeoni: “Ora più autonomia”

prev
Articolo Successivo

Gerusalemme, Netanyahu: “Riconoscerla capitale è un passo verso la pace”. Abu Mazen in Egitto. Putin in Medio Oriente

next