Il mercatino di Natale di Potsdam, in Germania, è stato evacuato dopo che la polizia ha scoperto un pacco contenente un ordigno artigianale. La scatola era indirizzata a una farmacia poco lontana dal mercatino. L’allarme è stato lanciato attorno alle 14 e 30 e la polizia aveva chiesto su Twitter a tutti di evacuare l’area. Sul posto sono intervenuti gli artificieri che hanno disinnescato l’ordigno.

Il pacco, consegnato da un corriere e grande tra i 40 e 50 centimetri, era stato aperto da un impiegato della farmacia. Al suo interno c’erano alcuni cavi e del materiale tecnologico, oltre a una piccola scatola di latta contenente dei chiodi. Denunciata la scoperta, la polizia aveva inizialmente parlato di un pacco sospetto e aveva mobilitato alcune forze speciali. Dopo pochi minuti, la conferma che quello all’interno della scatola era un’esplosivo, anche se non è stato trovato il dispositivo di accensione. Gli artificieri sono arrivati sul posto e hanno fatto brillare l’ordigno. “Non possiamo ancora dire nulla, le indagini sono appena cominciate“, ha riferito Karl-Heinz Schröter, ministro dell’Interno regionale arrivato sul posto assieme al sindaco della città Jann Jacobs. Secondo le indiscrezioni riportate da quotidiani locali, la polizia starebbe cercando altri pacchi sospetti grazie all’aiuto di un cane anti-esplosivo.

Lo scorso 21 novembre, la polizia tedesca aveva arrestato sei richiedenti asilo di origine siriana: “Preparavano un attentato al mercatino di Natale di Hessen” aveva spiegato il procuratore di Stato Christian Hartwig. In Germania, lo stato di allerta del Paese è ai livelli massimi dopo che lo scorso 19 dicembre un attentato terroristico venne compiuto nel mercatino di Natale di Berlino: un uomo alla guida di un furgone travolse la folla causando 12 morti e circa 50 feriti.Tra le vittime anche Fabrizia Di Lorenzo, ragazza di 31 anni di Sulmona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russiagate, Washington Post: “Flynn ha ammesso di aver mentito all’Fbi”. L’inchiesta è arrivata alla Casa Bianca

prev
Articolo Successivo

Migranti, Niger e Nigeria all’Ue: “Date troppi soldi a Libia e Turchia. I flussi verso il Mediterraneo passano da noi”

next