“Preparavano un attentato al mercatino di Natale di Hessen“. Per questo motivo secondo i media locali sei richiedenti asilo siriani sono stati arrestati in diverse città della Germania nel corso di un maxi blitz antiterrorismoA quasi un anno dall’attentato del 19 dicembre scorso al mercato di Breitscheidplatz a Berlino dove morirono 12 persone, la polizia tedesca ha scoperto una cellula composta da sei persone, sospettate di collaborare con l’Isis e di preparare un attentato con armi o esplosivi. Il procuratore di Stato Christian Hartwig ha spiegato che l’organizzazione del piano non era ancora conclusa e che “non ci sono indicazioni né a favore né contro” l’ipotesi di colpire un mercato di Natale. Hartwig si è riferito a questa opzione come una “speculazione”, dichiarando alla testata Berliner Morgenpost che “al momento non ci sono indicazioni concrete né sull’obiettivo né sulla modalità di attuazione” dell’attacco che era in preparazione.

I sei fermati sono di età compresa fra 20 e 28 anni. Tutti erano registrati come richiedenti asilo: quattro di loro da dicembre del 2014, mentre gli altri da agosto e settembre del 2015. La procura non ha precisato se le richieste di asilo fossero state approvate o meno. Secondo Die Welt, i sei sarebbero arrivati nel Paese con identità false, spacciandosi per rifugiati in fuga dalla guerra. L’operazione antiterrorismo è stata dalla polizia del Land di Hessen, che ha schierato 500 agenti e ha perquisito otto abitazioni nelle città di Kassel, Hannover, Essen e Lipsia. Sempre secondo Die Welt, nelle perquisizioni sono stati sequestrati cellulari, computer portatili e documenti. Gli investigatori sarebbero stati messi sulle tracce della cellula tramite le indicazioni di altri rifugiati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nigeria, kamikaze si fa esplodere in moschea: almeno 50 morti. Sospetti su Boko Haram

next
Articolo Successivo

La beffa sull’Ema e il flop della coalizione Giamaica: una lezione per l’Italia

next