SAMI BLOOD di Amanda Kernell. Con Lene Cecilia Sparrok, Maj-Doris Rimpi, Mia Erika Sparrok. Svezia 2016. Durata: 110’  Voto: 4/5 (DT)

“Desidero la terra che non c’è, perché quella che desidero sono stanca di desiderarla”. Tra le “razze” discriminate, vilipese e umiliate nell’Europa occidentale ci sono anche i lapponi, altrimenti detti sàmi. Poche decine di migliaia di persone che negli anni trenta del ‘900 nel nord della Svezia vennero “civilizzati” attraverso scuole svedesizzanti. Ella-Marja, oggi 78enne, in quel decennio era un’adolescente, costumino tipico lappone, imposizione di lingua e cultura svedese, misurazione del cranio, del naso, della fronte, e foto segnaletica come ai tempi di Lombroso. Da anziana dopo aver rifiutato di partecipare al funerale della sorella morta, e di rievocare tradizioni e canti della propria cultura d’origine tra un pranzo e una caccia alla renne, la donna guarda indietro nel tempo, e si apre un lungo flashback che occupa tre quarti di film. L’adolescenza di Ella-Marja, inquieta e dolorosa, violenta e cinica, ma anche palpitante d’amore per un coetaneo “bianco e biondo”, messa in scena con una naturalezza di sguardo, una fluidità di ripresa e di montaggio, che lascia allibiti. La macchina da presa di Kernell prova a concentrarsi sul viso della protagonista, un po’ più bassa degli spilungoni svedesi, ma proprio per questo aggrappata col corpo e con le mani ad una necessaria emancipazione sociale che non assolve di certo la protervia razzista e che comunque maledice le proprie origini tribali incapaci di riscatto. Ella-Marja è un’eroina contemporanea, femminile, arrabbiata e ribelle, tenace e vigorosa, che non può che essere amata come si amano i giusti perdenti. Con una catarsi violentissima sul finale, e un’attrice (Lela Cecilia Sparrok) che lascia senza fiato per verità e bellezza.

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 2 e 3 dicembre

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ora più buia, Winston Churchill vincerà l’Oscar 2018. Gary Oldman fa pulsare il settimo film di Joe Wright

next
Articolo Successivo

L’Insulto, il film rivelazione dell’ultimo Festival di Venezia arriva in Italia prima che nel resto del mondo

next