Inchiostro dallo smog. E’ quel che “produce” la startup Graviky Labs grazie a una tecnologia messa a punto in collaborazione con il MIT (Massachusetts Institute of Technology). I gas di scarico vengono catturati nel momento stesso in cui si producono, grazie a un dispositivo cilindrico di nome Kaalink collegato al tubo di scappamento delle automobili: delle speciali cartucce contenenti una miscela di particelle cariche elettricamente intrappolano dall’85 al 95 per cento del particolato. Le cartucce (che vedete nelle foto) vengono poi depurate dai metalli pesanti e dalle tossine, ottenendo un inchiostro a cui è stato dato il nome di Air-Link. Più economico rispetto al altri sistemi di cattura del particolato perché privo di liquidi, il dispositivo è in via di sperimentazione sulle strade indiane. E l’inchiostro viene fornito a una comunità di artisti che lo usano per le loro opere in Usa, Cina e UK.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dickmobile, quando la realtà supera la fantasia – FOTO

next
Articolo Successivo

Andrè Villas Boas, dal calcio a un volante nella Dakar

next