Credo di non avere mai adorato una tennista come Jana Novotna. Era talento puro. Un talento senza controllo: pura grazia, pura estetica. Emotivamente fragilissima, la ricordo soprattutto nel 1993, quando giocò un tennis divino a Wimbledon. Spazzò via la Sabatini e pure la Divina Navratilova: insieme generavano un genio senza pari nel tennis femminile. In finale trovò la ferocissima e freddissima Graf. Jana aveva già vinto, ma si spense sul 4-1 40-30 terzo set. Ebbe uno dei suoi black-out e addio. Sconfitta dolorosissima. Non l’unica. Due anni prima, avanti di un set, aveva perso la finale agli Australian Open con la Seles. Ma il suo torneo prediletto era Wimbledon: lì il suo serve and volley creava abracadabra continui. Nel 1997 un’altra chance: finale con la Mirabile Martina Hingis. Jana andò ancora una volta avanti di un set. E ancora una volta perse al terzo. Tre finali Slam perse su tre. Sembrava una maledizione. E invece, quando non pareva più possibile, riuscì a vincere il “suo” Wimbledon. Nel 1998, contro la Tauziat. Più che una vittoria, fu il giusto risarcimento a una carriera bella e maledetta. Una vittoria per cui gioirono tutti. Oggi Jana se n’è andata. A 49 anni. Grazie di tutto, Artista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Boris Becker, l’ex campione di tennis è in bancarotta: vuole vendere i suoi trofei, ma li ha persi

next