Ci sono gli indumenti, all’apparenza gli stessi che indossava il giorno in cui è scomparsa. C’è la ciocca di capelli biondi, come i suoi. E poi gli oggetti personali – una croce a forma di tau e un orologio – rinvenuti nel fango che avvolgeva il cadavere, in buona parte ridotto allo stato scheletrico.

Bisognerà attendere l’autopsia in programma nei prossimi giorni, ma si rafforza l’ipotesi che il corpo di donna in avanzato stato di decomposizione trovato nelle compagne di Tolentino, in provincia di Macerata, possa essere della pittrice anconetana Renata Rapposelli. La donna, 64 anni, è scomparsa il 9 ottobre dopo una visita all’ex marito e al figlio a Giulianova, in provincia di Teramo.

E ora i due famigliari sono indagati per omicidio dalla procura di Ancona, che ha delegato l’inchiesta ai carabinieri. Martedì i due saranno interrogati e dovranno chiarire quando hanno visto la donna per l’ultima volta. L’ex marito aveva detto di averla accompagna verso casa dopo pranzo, lasciandola nella zona del Santuario di Loreto perché la donna – devota alla Madonna – voleva pregare. Ma c’è una testimonianza che colloca la pittrice attorno alle 17 a Tortoreto, a 80 chilometri dalla chiesa, contraddicendo il racconto dell’uomo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, due omicidi in 24 ore: il killer ha ucciso con una coltellata al cuore. Evaso confessa: “Ho aggredito solo la trans”

prev
Articolo Successivo

Palmina Martinelli bruciata viva 36 anni fa, caso riaperto a Bari: i pm indagano per omicidio volontario aggravato

next