Non sanno, non rispondono, rimangono in silenzio oppure allargano le braccia. E lo fanno gli ambulanti dei mercati popolari e gli avventori dei quartieri storici, le donne che fanno la spesa di buon mattino, ma anche la classe media a passeggio nel centro della città all’ora dell’aperitivo. Tra le bancarelle del Capo o davanti al maestoso teatro Massimo, tra i vicoli stretti di via bara dell’Olivella o tra le vetrine di via Ruggero Settimo, che espongono cappotti di lana nonostante i venti gradi serali, la musica è sempre la stessa: il 5 novembre? Che succede il 5 novembre? I siciliani non lo sanno. Lo dicono anche i sondaggi: un abitante su quattro non sa che domenica si vota.

Nonostante da settimane, anzi mesi, è in corso una campagna elettorale senza esclusione di colpi, antipasto di quello che è l’ultimo test dei partiti in vista delle politiche del 2018. “Le elezioni regionali? Ah già ci sono le elezioni regionali”, è la risposta quasi unanime dei tanti strati sociali che nel centro di Palermo si mischiano e confondono. A destra il pizzo di Nello Musumeci, a sinistra la chioma brizzolata del dem Fabrizio Micari, al centro la faccia rotonda del pentastellato Giancarlo Cancelleri e poi quella più squadrata del bersaniano Claudio Fava: i loro volti sono ovunque, giornali, comitati elettorali, manifesti. Eppure a Palermo nessuno o quasi riesce ad elencarli tutti i principali candidati alla carica di governatore.

Non li conosce chi a votare ha deciso di non andarci (si parla di un’astensione al 54%) perché tanto “niente è mai cambiato e niente mai cambierà”. Ma anche chi nonostante una sicurezza granitica nell’irredimibilità dell’isola (“I siciliani si vendono sempre“) la sua scheda nell’urna ha deciso di metterla. Piccolo problema: anche chi va a votare non pare avere familiarità con gli aspiranti presidenti. La ragazza fuorisede tornata apposta per le elezioni promette di studiare prima di entrare in cabina elettorale. La signora al mercato è in attesa dell’indicazione del figlio: “Lui mi deve dire chi votare. Lo fa sempre, lo dice a tutta la famiglia”. Quanti sono in famiglia: “Ho 8 sorelle”.

Poi c’è chi anche chi ha le idee chiare. Come il pescivendolo del mercato del Capo: voterà Berlusconi anche se l’ex premier non è candidatocandidabile. “Qui, a Ballarò e alla Vucciria votiamo tutti per lui: prenderà ventimila voti”, profetizza. Sono ancora legati all’ex premier anche gli abitanti della zona di Porta Carini. “Gli altri sono tutti truffaldini“. E Berlusconi no? “Eh un pochino in effetti pure lui”. Ha votato Forza Italia, ma anche il Pd e l’Udc l’anziano che adesso ha deciso di dare il suo voto al Movimento 5 Stelle: e pazienza se non ha idea di chi sia il candidato governatore dei grillini: “Non me lo ricordo”, rivendica.  “Il voto deve essere libero, dobbiamo essere liberi nel votare e nella maggior parte dei casi non lo siamo”, catechizzano nel centro della città. Dove, però, il voto disgiunto non è considerato sconveniente: “Purtroppo ho un amico candidato al quale devo dare il voto”. Perché deve? “Devo perché devo“. A questo giro per il voto libero solo mezza razione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Sicilia, Grillo chiude la campagna M5s: “Non è voto politico ma referendum. Se perdiamo? Ho il Maalox”

next
Articolo Successivo

Ostia, Casapound distribuisce la spesa agli italiani. Appoggio degli Spada? Marsella minimizza: “Post strumentalizzato”

next