“Non vogliamo diventare razzisti, ma ti ci fanno diventare. Le istituzioni non ci aiutano, gli italiani sono l’ultima ruota del carro e vengono prima gli immigrati”. Anna è una delle persone – in totale sarebbero 250 famiglie qui a Ostia, sul litorale romano – che da due anni ritira il pacco alimentare che una volta alla settimana CasaPound Italia mette a disposizione “degli italiani in difficoltà”. “Il Comune non ci aiuta: se vado a chiedere qualcosa, puntualmente non mi spetta”, dice Anna. “Poi però vedo gente davanti a me a cui vengono pagate le bollette”.

“La crisi ha fatto aumentare le famiglie a cui diamo una mano”, dice Luca Marsella, candidato per CPI alla presidenza del X municipio. L’appuntamento con le urne è per domenica prossima, con il candidato del Movimento 5 stelle dato per favorito, Casapound in ascesa, e il derby tra la sinistra renziana e un don “rosso”

In questi giorni Marsella è stato condannato a due mesi con pena sospesa per minacce di morte a dei liceali che avevano manifestato contro l’apertura di un circolo CPI a Ostia. “Nego qualsiasi violenza, è una condanna montata ad arte”, dice il candidato. “Questi sono i mezzi degli antifascisti manovrati dai grandi poteri per screditarci”.

Anche sull’appoggio – manifestato con un post su Facebook – di Roberto Spada, il fratello (che non risulta indagato in alcuna inchiesta) di Carmine, detto “Romoletto”, condannato in primo grado a dieci anni per estorsione con l’aggravante mafiosa, Marsella tira dritto: “Quel post è stato strumentalizzato: dice che CPI prende voti nei quartieri popolari”, spiega a ilfattoquotidiano.it. “Questo succede perché CasaPound sostiene gli italiani. Non faremo favori a nessuno e condanniamo qualsiasi forma di malaffare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, voto tra disinteresse e disillusione. Nei quartieri popolari o della classe media pochi sanno i nomi dei candidati

next
Articolo Successivo

Elezioni Ostia. La consulente della Raggi, il ‘don’ comunista, la prof, l’ambientalista e il cronista secessionista: ecco i candidati

next