Doppia frattura per Franco Battiato: il cantautore siciliano ha avuto un incidente domestico nella sua casa di Milo, nel catanese. Una caduta che gli ha causato la frattura del femore e del bacino. L’infortunio ha costretto Battiato ad annullare tutti i concerti in programma per il mese di novembre e ancora non è stata definita una data per il recupero. I tempi per la completa ripresa del cantautore non sono chiari, certo è che la doppia frattura gli richiederà un lungo periodo di convalescenza. E’ la seconda volta che il maestro siciliano si rompe il femore: la prima, nel 2015, fu a causa di una caduta dal palco durante un concerto a Bari. Ancora non si sa se la gamba interessata dall’incidente è la stessa.

Come si legge sulla pagina Facebook di Franco Battiato, i concerti cancellati per ora sono quattro: quello dell’8 novembre a Fasano, del 10 novembre a Lugano, dell’11 novembre a Torino e del 14 novembre a Brescia. A breve saranno rese note anche le modalità per il rimborso dei biglietti:  l’International Music and Arts, la compagnia di produzione dei concerti di Battiato, ha fatto sapere che tutte le informazioni saranno pubblicate sul sito del cantautore e sulla sua pagina Facebook.

Classe 1945, Franco Battiato è uno dei cantautori italiani più particolari ed eclettici. La sua carriera iniziò a diciannove anni, quando dopo la morte del padre arrivò a Milano e iniziò a suonare canzoni tipiche siciliane con la chitarra al Club 64, dove c’erano Paolo Poli, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Cochi Ponzoni e Renato Pozzetto, Felice Andreasi, Bruno Lauzi. Lì fu notato da Giorgio Gaber che lo lanciò come chitarrista di Ombretta Colli. Iniziò così a farsi strada nel mondo della musica leggera alla fine degli anni Sessanta ma riuscì presto a passare da quel genere così orecchiabile all’elettronica d’avanguardia fino alla musica operistica e sacra, per poi mutare di nuovo direzione, trovando il grande successo con dischi di più facile ascolto. Suoi sono successi come “L’Era del Cinghiale Bianco”,  “La voce del padrone” e “La Cura”, uno dei brani più celebri.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Motorpsycho in tour, un universo dai suoni variegati e pulsanti

next
Articolo Successivo

Giorgieness, nella loro musica il vaffa della generazione senza certezze

next