Progettisti e collaudatori della Torre Piloti di Genova, oltre ai datori di lavoro delle vittime tra cui l’ex comandante delle Capitanerie di porto Felicio Angrisano, devono andare a processo. È questa la decisione della procura del capoluogo ligure nei confronti di 18 tra persone e società al termine dell’inchiesta bis sul collasso della torre all’imbocco del porto di Genova, avvenuta la sera del 7 maggio 2013 a causa dell’impatto con il cargo Jolly Nero. Quella notte morirono in 9. L’inchiesta – nata dalla denuncia di Adele Chiello, mamma di Giuseppe Tusa, morto nel crollo – era stata chiusa a giugno e vede gli indagati accusati a vario titolo di omicidio colposo, disastro e omissione impropria.

Secondo il pm Walter Cotugno, che aveva chiesto una prima archiviazione respinta dal gip, la torre piloti di Genova venne “costruita a cavallo della banchina senza tenere conto delle azioni non ordinarie incidenti sulla struttura – scrivono i pm – come ad esempio l’urto delle navi in manovra nello spazio acqueo antistante al manufatto ed in assenza di qualsiasi protezione“. Le persone indagate sono il commissario e i dirigenti tecnici del Consorzio autonomo del porto di Genova – Gino Capocaccia, Angelo Spaggiari, Paolo Grimaldi, Edoardo Praino – che avevano redatto il progetto precontrattuale per la costruzione; il presidente e i membri della sezione del Consiglio superiore dei lavori pubblici che espressero parere favorevole al progetto – Ugo Tomasicchio, Mario Como, Antonio Rinaldi, Giuseppe Parise – oltre al progettista Bruno Ballerini e al collaudatore Giorgio Mozzo.

Nell’inchiesta sono entrati anche i datori di lavoro delle vittime e i responsabili della sicurezza. Sono così stati iscritti l’ammiraglio Angrisano, all’epoca a capo della Guardia costiera genovese, e l’ufficiale Paolo Tallone della Capitaneria di Porto, Giovanni Lettich e Sergio Morini della corporazione Piloti, Gregorio Gavarone e Roberto Matzedda della società Rimorchiatori riuniti. Stando a quanto ipotizzano dai pm, i datori di lavoro non adottavano “le misure necessarie a tutelare l’integrità fisica dei lavoratori” facendo continuare a lavorare i dipendenti nella torre “omettendo di valutare il notorio rischio derivante da urti delle navi in manovra legati ad avarie e ad errori umani”, oltre ad omettere “di aggiornare il documento di valutazione dei rischi senza predisporre alcuna misura idonea a tutelare l’integrità dei dipendenti”.

Nel filone principale d’indagine, quello legato all’impatto tra il cargo Jolly Nero della compagnia Messina e la torre, sono stati condannati in primo grado il comandante Roberto Paoloni a 10 anni e 4 mesi di carcere, il primo ufficiale Lorenzo Repetto a 8 anni e 6 mesi, il direttore di macchina Franco Giammoro a 7 anni e il pilota Antonio Anfossi a 4 anni e 2 mesi. E nelle motivazioni della condanna, la giudice Silvia Carpanini sottolineava anche che “non può non tenersi in considerazione che forse altre responsabilità potrebbero individuarsi a carico di chi ha permesso” la costruzione di quel gigante che controllava il porto “in una posizione così esposta, senza che venisse adottata alcuna cautela”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monte Venda, storia della base per spiare i sovietici. Ma il pericolo non veniva da Est: 119 militari morti per il gas radon

prev
Articolo Successivo

Mondo di Mezzo, i giudici alla procura: “Bisogna indagare sulle testimonianze di Zingaretti, Bubbico e Campana”

next