Prime incriminazioni per il Russiagate, anche se i nomi delle persone indagate e la natura delle ipotesi di reato restano per il momento riservati. Ad approvarle nella giornata di venerdì, scrive Reuters, è stato un gran giurì federale. E a partire da lunedì dovrebbero scattare anche i primi arresti. L’indagine, che riguarda le presunte interferenze russe nelle elezioni presidenziali Usa del 2016, condotta dal procuratore speciale Robert Mueller. Nuove rivelazioni potrebbero arrivare lunedì, giornata in cui – secondo quanto riportato dalla Cnn – sarebbero previsti i primi arresti. Le agenzie di intelligence Usa, nello scorso mese di gennaio, sono arrivate alla conclusione che la Russia ha interferito nelle elezioni per favorire l’attuale presidente Donald Trump contro la candidata democratica Hillary Clinton. Persone vicine ai servizi segreti di Mosca, secondo l’accusa, avrebbero influenzato l’opinione pubblica attraverso azioni di hacking, tra cui la pubblicazione di email imbarazzanti e la diffusione di notizie false attraverso i social media.

L’inchiesta del procuratore speciale Mueller si concentra sull’ipotesi che manager della campagna elettorale di Trump e suoi collaboratori abbiano incontrato e colluso con agenti russi. Fonti vicine alle indagini spiegano che Mueller, dalla sua nomina lo scorso 17 maggio, ha approfondito i legami tra l’entourage di Trump e alcuni governi stranieri, oltre che le ipotesi di riciclaggio di denaro, evasione fiscale e altri crimini finanziari. Un altro filone dell’inchiesta riguarda la presunta ostruzione alla giustizia da parte di Trump per il licenziamento del direttore dell’Fbi, James Comey. Tra gli altri, gli investigatori hanno sentito l’ex capo dello staff della Casa Bianca, Reince Priebus, e l’ex portavoce del presidente, Sean Spicer. La squadra di Mueller indaga anche su Michael Flynn, consigliere della campagna di Trump e, in seguito, consigliere alla Sicurezza nazionale. Flynn fu costretto a lasciare dopo aver mentito al vicepresidente Mike Pence sulle sue conversazioni con l’ambasciatore russo Sergei Kislyak.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Catalogna indipendente, vice premier di Madrid assume la presidenza. Puigdemont: “Resistiamo, no violenza”

next
Articolo Successivo

Usa, Obama farà il giudice popolare. Lo stipendio? 17,20 dollari al giorno

next