“La motivazione della scelta del presidente Grasso di lasciare il gruppo parlamentare del Pd la capiremo nei prossimi giorni, certo è una scelta che amareggia, non c’è nessun dubbio. Se il tema fosse quello della legge elettorale, sono convinto che avremmo buoni argomenti per spiegare il perché delle nostre scelte”. Così il ministro alle politiche agricole e vicesegretario Pd, Maurizio Martina, ospite a Otto e mezzo su La7, commenta la decisione di Pietro Grasso di lasciare il gruppo Pd del Senato. Sulla vicenda si esprime anche il coordinatore di Mdp, Roberto Speranza: “Non mi sognerei mai di tirare la giacchetta al presidente Grasso, ho rispetto fino in fondo per le sue scelte, anche quella di lasciare un gruppo importante come quello del Pd e ne capirei le ragioni: 8 fiducie in 10 giorni sulla legge elettorale. Le ragioni sono comprensibili, sembrerebbe un giudizio politico sugli ultimi giorni. E’ un chiaro atto politico

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rosatellum, D’Attorre (Mdp): “Il Pd faccia pace col cervello”. Poi dà un consiglio a Renzi

prev
Articolo Successivo

La7 schiera Giletti, che a Piazzapulita annuncia: “Cambio di programma: in onda la domenica contro Fazio”

next