“Questo voto non è in contrasto con il progetto nazionale. Ho sentito Matteo Salvini e lo vedrò già domani (lunedì 23 ottobre, ndr) per illustrargli i prossimi passi che farò e avere il sostegno e il supporto anche della componente politica che mi sostiene. Pagina storica? Spero di sì, possiamo scrivere una pagina nuova che non è mai stata applicata in Italia, il regionalismo differenziato. Può essere l’inizio di un percorso, non dico rivoluzionario, ma di grande riforma del sistema istituzionale italiano”. Così Roberto Maroni dopo i risultati del referendum lombardo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum autonomia, la vittoria di Zaia paladino del federalismo leghista. Che ora può sognare la leadership

prev
Articolo Successivo

Referendum autonomia, Maroni esulta ma in casa leghista il vero vincitore è Zaia. E il voto elettronico è un flop

next