Ci rubano il lavoro! Le imprese che licenziano senza giusta causa. Sono sporchi! Gli affari delle ecomafie. Sono troppi! I fondi agli armamenti. La nuova campagna di Sinistra Italiana prende i luoghi comuni, quelli che riempiono i social network, le chiacchiere da bar e, a volte, anche i giornali e la politica, per ribaltarli con un finale a sorpresa. Un’iniziativa provocatoria che, spiegano da Si, ha l’obiettivo di dire basta ad una “guerra tra gli ultimi”. Attraverso volantini da far girare sul web ma anche da diffondere per strada, tra gli amici, i colleghi, i vicini di casa.

“Berlusconi e Monti prima, Renzi e Gentiloni poi, spinti dalle politiche di austerità di questa Unione Europea, hanno condotto una vera e propria guerra ai poveri, invece di lottare contro la povertà. Con il risultato che le disuguaglianze sono aumentate a dismisura – commenta il partito guidato da Nicola Fratoianni – Provano a metterci gli uni contro gli altri: ai precari dicono che la colpa è di chi ha un lavoro stabile, ai giovani senza pensione che la colpa è dei pensionati, ai meridionali che la colpa è di quelli del nord, a quelli del nord che la colpa è di quelli del sud, agli italiani che è colpa degli immigrati“. Una retorica che, secondo Sinistra Italiana, serve solo a distogliere l’attenzione dei cittadini dalle vere cause delle disuguaglianze.

“Se ci siamo impoveriti, se siamo precari e senza lavoro è perché pochi ricchi e potenti hanno indirizzato le scelte politiche a loro vantaggio e contro la maggior parte della popolazione. E mentre ci distraggono continuano a toglierci tutto: diritti, reddito, casa, dignità“.

“Con questa campagna cerchiamo di far capire a quei milioni di italiani che sono giustamente arrabbiati perché impoveriti che, ad esempio, a rubarci la casa o il lavoro non sono gli immigrati, ma rispettivamente coloro che speculano sul mercato immobiliare e le imprese che licenziano senza giusta causa – spiega Claudio Riccio, responsabile comunicazione di Si – Il nostro intento è inserirci anche nella chiacchiera da bar, in modo da ribaltare gli stereotipi diffusi nella quotidianità, che nascondono il volto dei veri responsabili».

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bankitalia, Gentiloni: “Ottimi rapporti tra Governo e maggioranza ma salvaguardiamo l’autonomia”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, stratagemmi e strategie sul campo del Rosatellum: l’ultima battaglia al Senato (fiducia o no)

next