Un sacerdote italiano della diocesi di Roma è stato sequestrato ieri in Nigeria. Sull’accaduto è già stata allertata l’unità di crisi della Farnesina e la Procura di Roma, dipartimento Antiterrorismo, ha aperto un fascicolo di indagine. Il sacerdote, Maurizio Pallù, è stato bloccato ieri, insieme ad altre quattro persone, mentre sta raggiungendo Benin city, nel sud del paese.

I quattro sono stati fermati da un gruppo armato che li ha rapinati di tutti i loro averi e ha rapito il sacerdote che si trova in missione da tre anni. L’indagine della Procura di Roma è affidata al pm Sergio Colaiocco. Gli inquirenti, che procedono per il reato di sequestro ai fini di terrorismo, sono al lavoro in queste ore per capire l’esatta dinamica del rapimento.

Maurizio Pallù, 63 anni, originario di Firenze, nel 1971 ha incontrato il Cammino Neocatecumenale. Nel 1977, si legge in una breve biografia pubblicata dalla parrocchia di San Bartolomeo in Tuto a Casellina (Firenze), si è laureato in Storia e dopo sei anni è partito come missionario laico per 11 anni in vari Paesi del mondo. Nel 1988, alla morte del padre, è entrato nel seminario “Redemptoris Mater” di Roma. Nel 1991 è stato ordinato presbitero e dopo due anni, trascorsi lavorando come cappellano, in due parrocchie di Roma, è stato inviato in Olanda.

“Monsignor Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, è stato avvisato del sequestro del sacerdote della diocesi di Roma in missione nel sud della Nigeria. Vive insieme a tutta la Chiesa di Roma un’apprensione, sperando e pregando, soprattutto, che questo suo figlio possa tornare presto in libertà ed essere riabbracciato e riaccolto dalla sua Chiesa madre – afferma don Walter Insero, responsabile dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali del Vicariato di Roma- . C’è apprensione e preoccupazione ma allo stesso tempo la Chiesa si unisce in preghiera, pregando per lui e per la sua liberazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Acciaio, la giapponese Kobe ammette di aver falsificato certificati di resistenza. I prodotti a rischio usati in auto e aerei

prev
Articolo Successivo

Iran, Trump non certifica l’accordo sul nucleare: “Teheran regime fanatico che aiuta Al Qaeda, servono nuove sanzioni”

next