Spenti i riflettori del Salone di Francoforte 2017, con gli istituzionali cenni di intesa sul futuro delle auto elettriche, riparte la mediazione fra l’Europa e i costruttori sui limiti delle emissioni inquinanti per gli anni a venire e spunta fuori l’ipotesi dei “crediti di carbonio”: penitenze economiche da far pagare alle case che non riusciranno a raggiungere gli standard di legge.

Già alla rassegna tedesca di settembre l’Acea – associazione europea dei produttori automobilistici – aveva chiesto alla UE di spostare al 2030 l’entrata in vigore dei nuovi limiti sull’anidride carbonica, attualmente fissati a una media di 95 grammi/chilometro da rispettare entro il 2021. Tuttavia l’associazione dei costruttori ha chiesto una posticipazione di 9 anni del suddetto target, proponendo in cambio all’Europa di fissare la media a 76 grammi/chilometro, da raggiungere nei prossimi 13 anni.

Un traguardo stringente che però, secondo Acea, dovrebbe essere subordinato all’andamento della diffusione dei veicoli elettrificati, della rete di ricarica e all’analisi degli obiettivi raggiunti entro il 2025: significa che l’offerta dei 76 grammi/chilometro in cambio della posticipazione al 2030 sarebbe valida solo a condizioni (diffusione EV e infrastrutture green) che non sembrano favorirla, almeno per il momento.

Il provvedimento sui crediti di carbonio – che secondo Reuters potrebbe essere presentato formalmente il prossimo 8 novembre – potrebbe quindi costituire un punto di incontro fra i fabbricanti di auto e le istituzioni del Vecchio Continente: l’idea è quella di incentivare la diffusione delle EV proprio tramite i crediti dei costruttori (stabiliti a seconda degli sforamenti e non “trattabili”) che non riescono a rispettare i limiti. Lo scopo sarebbe quello di ridurre fino al 40% le emissioni di gas serra – dal 25-35% per le auto e 30-40% per i furgoni – entro il 2030 rispetto ai livelli registrati nel 1990.

Dal canto suo la UE sarebbe pronta a mettere sul tavolo circa 800 milioni di euro (in parte derivante dai crediti) per il finanziamento delle infrastrutture di ricarica e altri 200 milioni nel biennio 2018/2020 per lo sviluppo delle batterie elettriche, le stesse per cui la Commissione sta cercando di creare un vero e proprio consorzio europeo di sviluppo e produzione. Reuters riporta che l’idea dei crediti – calcolati in riferimento ai benchmark del mercato in termini di vendite di veicoli a basse emissioni – sarebbe stata ispirata dalle autorità della California, da molti indicata come la stella polare in tema di politiche legate ai veicoli elettrici.

Tuttavia l’impressione e che, se il sistema dei crediti verrà definitivamente approvato, i costruttori potranno adeguarsi ai limiti sulle emissioni con tempistiche meno serrate o al massimo pagando una “multa in forma ridotta”. È invece positivo (e indispensabile) l’impegno della EU per la diffusione delle infrastrutture e lo sviluppo tecnologico delle batterie, fra le maggiori problematiche attualmente legate alle EV.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla, la produzione della Model 3 non decolla. E i nodi vengono al pettine

next
Articolo Successivo

Oxford, via dalle strade del centro le auto con motori diesel e benzina entro il 2020

next