Se i Paesi Ue non raggiungeranno l’unanimità necessaria per varare una web tax europea, l’Italia andrà avanti insieme a Francia, Germania e Spagna. Lo ha ribadito, al suo arrivo al vertice Ue sul digitale di Tallinn, il premier Paolo Gentiloni, ricordando che a fine agosto i quattro Stati hanno sottoscritto un documento comune che proponeva una “tassa compensativa” sul fatturato generato in Europa dalle compagnie digitali.

I singoli paesi Ue “non solo possono ma devono lavorare in coordinamento tra loro anche in senso delle cooperazioni rafforzate” se non c’è un accordo all’unanimità, ha spiegato Gentiloni. Questo, ha aggiunto, “è un po’ il senso del documento che” Italia, Francia, Germania e Spagna “avevano concordato a fine agosto a Parigi e hanno rivolto ai 28 qui”. “Noi non possiamo accettare l’idea che il diritto di stabilimento delle imprese per quanto riguarda i giganti del web e le piattaforme sia concepito come nell’era delle imprese” tradizionali “in cui lo stabilimento significava che pagavi le tasse nel posto deve avevi la tua fabbrica”, ha affermato Gentiloni, parlando davanti alla ciminiera dell’ex centrale elettrica di Tallinn ora trasformata in un hub creativo, il “Kultuurikatell”.

“Oggi ci sono alcune di queste grandi piattaforme che ci semplificano la vita e a cui non vogliamo rinunciare per niente al mondo, e che hanno volumi d’affari strepitosi nei nostri Paesi”, dove però “magari hanno poche unità di dipendenti e certamente non hanno ciminiere con cui presentarsi”, ha continuato. Per questo, ha concluso, sulla web tax “c’è una proposta della Commissione Ue su cui dobbiamo andare avanti” e se necessario anche “nel senso delle cooperazioni rafforzate” tra i Paesi Ue interessati ad applicarla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rating Italia, processo a Standard&Poor’s, i giudici: “Sospetto che interventi fossero connotati da pregiudizio verso l’Italia”

prev
Articolo Successivo

Consob, archiviazione per il presidente Giuseppe Vegas per caso nomine

next