Il marchio automobilistico che vale di più al mondo? Secondo la classifica annuale compilata da Interbrand e pubblicata nel report Best Global Brands ha gli occhi a mandorla e si chiama Toyota. Il colosso nipponico può infatti vantare un valore di 50,29 miliardi di dollari, il più alto tra i costruttori automotive. Non il più alto in assoluto, visto che nella classifica generale si piazza al settimo posto. Ma lì c’è da considerare la concorrenza di mostri sacri come Apple, Google, Microsoft, Coca Cola, Amazon e Samsung, che in rigoroso ordine precedono l’azienda giapponese.

Tra le quattro ruote, invece, non c’è storia. I giapponesi, nonostante abbiano perso 6 punti percentuali rispetto all’anno scorso, mantengono il primo posto davanti alla Mercedes (47,829 miliardi) che ne ha invece guadagnati dieci, e agli altri tedeschi di Bmw (41,521 miliardi).

E gli altri? Beh, prima di incontrare un marchio auto in classifica generale bisogna aspettare la posizione numero 20 dove si trovano i “cugini” di Honda, valutati 22,696 miliardi di dollari. Ci sono poi Ford (13,643 miliardi) al 33esimo posto, Hyundai (13,193) al 35esimo, Audi (12,023) al 38esimo, Nissan (11,534) al 39esimo, Volkswagen (11,522) al 40esimo. Più giù ci sono ancora Porsche (10,129) al 48esimo, Kia (6,68) al 69esimo, Land Rover (6,095) al 73esimo e Mini (5,114) all’87esimo posto.

Per quanto riguarda l’Italia, da segnalare che la Ferrari si posiziona all’88esimo posto, con un valore di 4,876 miliardi di dollari. La new entry tra le top 100, infine, si chiama Tesla: conquista il 98esimo posto con 4,009 miliardi di valore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook e Google, ecco perché i giganti dell’high-tech corteggiano l’auto

next
Articolo Successivo

Hyundai, arriva il sistema che avverte se si dimenticano i bambini in auto – FOTO

next