“Il web ha permesso a chiunque di dire la sua, ma la completa libertà ha portato altre armi di massa e di avvelenamento dei pozzi. Il problema è l’illusione del fai da te e la manipolazione di quell’illusione da parte di chi ha interesse a farlo”. Lo ha spiegato il direttore del TgLa7 Enrico Mentana intervenendo a un convegno organizzato dal Movimento 5 stelle a Roma dedicato alle fake news e intitolato ‘Ricerca della verità, fra social media e strumenti educativi’. Tema quando mai attuale. Basti pensare che solo due giorni fa il procuratorie di Rimini Paolo Giovagnoli ha annunciato l’apertura di un fascicolo dopo che in rete sono apparse e circolare notizie false sugli stupri di Miramare. Un giro d’affari, quello delle fake news, che può raggiungere cifre altissime, come spiega Fabio Milella, del sito Bufale.net: “Una notizia falsa ma con un grande eco ha portato al proprietario circa un migliaio di euro al giorno“.  All’iniziativa hanno partecipato alcuni fra i principali esponenti del mondo dell’informazione, dell’educazione e dei social network, tra cui Gianluigi Nuzzi, Gianluigi Paragone, e Gherardo Colombo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Editoria, il sindacato contro la Santanché: “Realizza Visto e Novella 2000 senza giornalisti violando legge e contratto”

prev
Articolo Successivo

Vaccini, i fatti e la propaganda sul decreto dell’obbligo. Su Fq Millennium in edicola

next